Nubifragio, al via domani le richieste di risarcimento danni

Da domani e fino al 20 settembre sarà possibile per i cittadini fare richiesta per il rimborso dei danni a seguito del nubifragio di domenica scorsa. Gli interessati potranno consegnare la documentazione nei tre sportelli allestiti dal Comune alla sala Lucchi allo stadio, in piazzale Olimpia 3.

danni Nubifragio di agosto a Verona
Danni provocati dal nubifragio di agosto a Verona

Prende il via da domani, il ritiro da parte del Comune delle richieste di risarcimento necessarie per la ricognizione regionale dei danni subiti dai cittadini con il nubifragio di domenica 23 agosto.

La Regione Veneto ha infatti decretato lo stato di calamità e ha pubblicato sul proprio portale la modulistica e le istruzioni per la compilazione delle richieste di risarcimento danni. Tutta la documentazione è reperibile anche sul sito del Comune di Verona.

I rimborsi possono essere richiesti sia per danni a strutture private sia per quelli ad attività economiche. I cittadini sono invitati a compilare e a trasmettere i modelli: scheda B per il “Ricognizione patrimonio privato” – scheda C per le “Ricognizione attività economico-produttive”.

A garanzia di una corretta raccolta e trasmissione alla Regione, fino al 20 settembre tutti i cittadini interessati potranno consegnare la documentazione nei tre sportelli allestiti appositamente dal Comune alla sala Lucchi allo stadio, in piazzale Olimpia 3. Il servizio è a disposizione della cittadinanza, da lunedì a venerdì, dalle 9 alle 13. Il posto è stato individuato per la facilità di parcheggio e perché gli spazi ampi consentono l’applicazione delle norme di sicurezza anti Covid. Ci saranno due sportelli dedicati ai privati e uno sportello per le attività produttive. A supporto della cittadinanza è attivo anche il numero verde 800 20 25 25 dell’Urp del Comune.

Si tratta di un primo screening del censimento speditivo dei danni al patrimonio privato, pubblico e degli enti pubblici. Una volta raccolte le domande, il Comune si occuperà di inviarle alla Regione, che svolgerà delle dovute verifiche. Per gli effettivi rimborsi, sarà lo Stato che sulla base dei danni segnalati con il censimento stanzierà le risorse necessarie.

Le tempistiche e le procedure di ritiro delle domande di rimborso sono state illustrate questa mattina dall’assessore alla Protezione civile Daniele Polato: «Per consentire un’unica e meglio coordinata gestione della raccolta e dell’invio alla Regione di tutte le richieste di risarcimento danni – ha sottolineato l’assessore –, per la prima volta, abbiamo predisposto un sistema immediato e rapido, in grado di supportare, con il ritiro diretto da parte del Comune, tutti i cittadini interessati. Alla sala Lucchi, da domani fino al 20 settembre, si procederà al ritiro della modulistica messa a disposizione della Regione. Predisposte tre postazioni: due dedicate alle richieste dei privati, da presentare con il modulo B, e uno a quelle delle attività economiche e produttive, modulo C. Alla modulistica dovranno essere allegate anche la fotocopia di un documento di identità, la documentazione fotografica dei danni subiti e, se già effettuati, le fatture dei lavori pagati per la riparazione. La raccolta, che resterà aperta per quasi un mese, consentirà a tutti di ricevere un adeguato supporto e, soprattutto, di diluire i flussi di accesso agli sportelli, per evitare gli assembramenti. Inutile e pericoloso, quindi, viste le disposizioni in merito alla sicurezza e al distanziamento sociale, accalcarsi da domani agli sportelli. Il servizio è a disposizione della cittadinanza, da lunedì a venerdì, dalle 9 alle 13».