Stazione, “Alto impatto” della Polizia di Stato

Il Compartimento di Polizia Ferroviaria di Verona ha organizzato, nella giornata di ieri, il servizio straordinario denominato “Alto Impatto”, durante il quale sono state predisposte eccezionali misure di controllo nella stazione di Verona Porta Nuova e nello scalo del Quadrante Europa.

Controlli straordinari per rendere più efficace l’attività quotidiana e costante di vigilanza nei luoghi considerati particolarmente sensibili. E’ questo lo scopo di “Alto impatto”, il piano di controlli messo in atto ieri mattina, con l’utilizzo anche dell’elicottero del Reparto Volo di Bologna, in stazione Porta Nuova e al Quadrante Europa, da parte della Polizia di Stato.

L’operazione ha permesso l’identificazione di 240 persone, la denuncia in stato di libertà di una cittadina italiana per furto aggravato commesso ai danni di una turista tedesca. A quest’ultima, scippata all’interno dell’atrio della stazione, è stata riconsegnata la borsa che le era stata sottratta, tempestivamente recuperata dagli agenti del Compartimento.

Oltre a questo, gli operatori di Polizia hanno eseguito 7 sequestri amministrativi di sostanze stupefacenti, tra cui anche 3 flaconi di metadone, a carico di altrettante persone, di cui 3 di nazionalità straniera, il controllo di 256 bagagli avvenuto sia con l’utilizzo del metaldetector che con l’ausilio del cane anti esplosivo della Polizia di Frontiera di Linate, nonché  il controllo di 14 veicoli in transito davanti alla stazione e l’irrogazione di una sanzione per inosservanza alle norme del Codice della Strada.

Le pattuglie dei poliziotti hanno presidiato i punti ritenuti più critici e le aree di maggiore affollamento, estendendo i controlli anche ai depositi bagagli, monitorando costantemente il flusso dei viaggiatori in arrivo e in partenza dallo scalo ferroviario, effettuando controlli a campione nei confronti delle persone e dei bagagli al seguito.

Durante il controllo sono state impiegate in stazione e nelle zone immediatamente limitrofe, una decina di pattuglie in uniforme, oltre a quelle antiborseggio in borghese.

Il servizio è stato svolto durante l’intero arco della giornata, con il concorso di vari reparti della Polizia di Stato: due unità cinofile, una della Questura di Padova e l’altra di Milano, il Reparto Prevenzione Crimine di Padova, le Unità Operative di Pronto Intervento della Questura di Verona e, come detto, il Reparto Volo di Bologna.