Sindacati su Sboarina: «Inchino all’estrema destra»

Prosegue la polemica contro il sindaco di Verona che ha concesso il patrocinio del comune ad un evento di estrema destra. Oggi le denunce arrivano da parte dei sindacati CGIL, CISL e UIL che, unitamente, chiedono il ritiro del patrocinio e contestano il finanziamento dell’iniziativa con risorse pubbliche.

via almirante a verona dichiarazioni di sboarina
Federico Sboarina

Sboarina ha concesso il patrocinio del comune di Verona ad un evento di estrema destra sull’immigrazione. Ieri le dure condanne da parte dell’opposizione. Oggi seguono quelle dei sindacati CGIL, CISL e UIL che si uniscono contro il Sindaco della città scaligera.

«Ancora una volta il sindaco di Verona Federico Sboarina piega la sua figura istituzionale alle più retrive iniziative della destra estrema – si legge nella nota -, dimostrando, semmai ce ne fosse bisogno, la sua dipendenza da figure politiche come quella di Andrea Bacciga, offrendo il patrocinio ad una iniziativa faziosa e di parte che promuove una cultura d’odio e di xenofoba».

«Un atteggiamento – proseguono – palesemente rinunciatario del ruolo di rappresentanza che dovrebbe invece tutelare: essere il sindaco di tutti i veronesi».

Aggravante, secondo i sindacati, il fatto che i soldi per questa iniziativa siano erogati da SERIT, società completamente controllata da AMIA: sono quindi con soldi pubblici, ovvero dei contribuenti.

Le segreterie di CGIL CIL e UIL di Verona giudicano deplorevole la decisione del Sindaco di partecipare all’iniziativa e chiedono alla Giunta di ritirare il patrocinio del Comune. Inoltre, contestano come improprio il finanziamento dell’iniziativa con risorse pubbliche.