Il servizio di sms alert della banca serve proprio a questo, a smascherare eventuali operazioni non autorizzate sul proprio conto bancario. Ed è grazie a questo servizio che un uomo è riuscito ad individuare un pagamento illecito di una donna, lo scorso 2 luglio, che poche ore dopo avergli rubato il borsello da una stanza dell’ospedale di Borgo Trento, si era recata al centro commerciale Adigeo per togliersi qualche sfizio. Il proprietario della carta, però, accortosi dei movimenti, ha contattato il titolare del negozio, che a sua volta ha avvertito la sicurezza e poi la polizia.

L’autrice è stata così prontamente identificata dalle forze dell’Ordine all’interno di uno dei negozi dell’Adigeo grazie alla descrizione fisica fornita dal titolare del negozio. Identificata e messa alle strette, la donna, una venticinquenne di origini bulgare e residente in Abruzzo, ha riconosciuto inizialmente di aver trovato il borsello per terra e di aver utilizzato la carta di credito che aveva trovato all’interno di un portafogli.

La donna però ha alle spalle già quattro denunce per episodi dello stesso tipo. Si tratterebbe infatti di una esperta di furti all’interno degli ospedali, e ora deve rispondere, oltre che del furto, anche di improprio utilizzo di carta di credito. Per lei l’Autorità Giudiziaria ha accolto la richiesta della Polizia per l’obbligo di firma 4 volte alla settimana.