È stato portato in carcere a Montorio con le accuse di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate. L’uomo è un 29enne residente a Garda, tra l’altro già noto alle forze dell’ordine, e avrebbe maltrattato abitualmente la convivente per più di un anno. Gli episodi di violenza sarebbero cominciati infatti nel febbraio del 2018, e sarebbero sfociati nella denuncia della ragazza nel maggio di quest’anno.

La minacciava e poi la aggrediva fisicamente, sempre per questioni legate alla gelosia o allo stato di alterazione causato dall’alcool e dalle droghe. La drammatica vicenda è emersa con la denuncia della ragazza ai carabinieri di Bardolino, lo scorso maggio, che hanno cominciato ad indagare intercettando messaggi inquietanti da parte del 29enne, che minacciava di morte la compagna nel caso in cui non avesse ritirato la denuncia. Cosa che infatti lei ha fatto, solo qualche giorno dopo. Solo che il gesto non è bastato: lo scorso 13 giugno la ragazza è stata ricoverata nel reparto di Neurologia dell’ospedale di Peschiera, riportando contusioni guaribili in un mese.