«Abbiamo superato i 20 milioni di visitatori e oggi la nostra attenzione è rivolta ai prossimi cruciali 15 anni per creare una coscienza ambientale che non abbia nella sfera emozionale l’unica spinta motivazionale, ma che sia in grado di costruire competenze basate su evidenze di valori scientifici».

Sono parole di Cesare Avesani Zaborra, amministratore delegato di Parco Natura Viva e biologo di fama internazionale che ieri, a Bussolengo, ha ospitato amici, colleghi direttori di altri parchi zoologici europei, figure istituzionali locali e nazionali per festeggiare tutti assieme il cinquantesimo anniversario del Parco.

Il Parco nacque nel 1969 grazie a un’intuizione di Alberto Avesani, padre di Cesare, architetto ma con un’attenzione particolare verso il mondo animale che lo portò a immaginare un luogo che potesse accogliere le nuove generazioni per lasciar loro un messaggio di compartecipazione sul tema della salvaguardia ambientale, oggi più che mai importante.

Cesare Avesani, che per tutto il pomeriggio ha accompagnato gli ospiti lungo il parco spiegandone le caratteristiche principali e i numeri che lo riguardano, primo fra tutti quello dei 1000 e più animali ospitati, riconducibili a oltre 200 specie, ha voluto dedicare questo traguardo alla figlia Federica di 22 anni.

Tra le molte figure istituzionali che hanno voluto presenziare alla festa di compleanno, anche il Questore di Verona, Ivana Petricca. Tra gli amici più cari di Cesare anche Susanna Messaggio, volto snoto della tv nazionale, oggi impegnate nel campo della comunicazione e delle pubbliche relazioni.

Al termine del pomeriggio di visita sono stati mostrati ai presenti degli insetti particolari, definiti per la loro grandezza dei veri e propri giganti.