Lazise, sei sanzioni a bus scolastici non in regola

Lazise, controlli della Polizia Locale sui bus scolastici. Sei sanzioni per mezzi non in regola e un bus da sostituire.

bus scolastici lazise sanzioni (1)

Con l’inizio dell’anno scolastico sono riprese le uscite didattiche degli studenti delle scuole locali e la polizia locale di Lazise stila un bilancio relativo ai controlli agli autobus scolastici effettuati dal 1° ottobre a oggi.

Scopo del servizio è quello di verificare, prima della partenza, l’idoneità dei conducenti e dei mezzi utilizzati per accompagnare le scolaresche in gita. A tal fine è proprio la direzione didattica ad inviare date e numero di mezzi impiegati nell’uscita.

Dall’inizio dell’anno scolastico sono stati controllati 11 autobus scolastici per garantire la sicurezza di 430 studenti e loro accompagnatori. Stato dei pneumatici, efficienza dei dispositivi visivi e di illuminazione, verifica presenza estintore e cassette di pronto soccorso nonché tempi di guida e riposo del conducente, sono state alcune delle verifiche eseguite dagli agenti di Polizia Locale nei confronti dei veicoli interessati secondo una procedura di controllo suggerita dal Ministero dei Trasporti.

Sono state in totale elevate già 5 contestazioni al codice della strada per inefficienze varie ai mezzi di trasporto. Tra queste si segnalano: dispositivi di pronto soccorso non completamente attrezzati, sistemi di ritenuta mancanti o non funzionanti, pneumatici non efficienti ed altre violazioni alla normativa regionale del trasporto pubblico.

In due casi è stato necessario, in ragione di inefficienze ai dispositivi di equipaggiamento del mezzo, far intervenire altro autobus sostitutivo per permettere la partenza della gita.

«I controlli proseguiranno, in accordo con la dirigenza scolastica, per tutto l’anno scolastico», afferma il Comandante della Polizia Locale Massimiliano Gianfriddo. «Sono comprensibili alcuni disagi dovuti alla particolare attenzione posta nei controlli che in un paio di casi hanno causato ritardi – seppur contenuti – nella partenza, ma la sicurezza dei nostri ragazzi deve essere per tutti obiettivo prioritario».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.