Stava ballando il sirtaky con il suo gruppo Tamzarà in un parco di Borgo Milano, quando, all’apice della gioia un cane l’ha fatta cadere, provocandole una frattura scomposta al polso. E’ successo qualche giorno fa alla veronese Luigina Turri, conosciuta ai più per i suoi quadri e i suoi disegni. E oltre al danno, la beffa. Perchè una volta a terra il padrone del cane, che era libero e senza guinzaglio, ha preso il suo amico a quattro zampe e lo ha messo in macchina, fornendo false generalità e un numero sbagliato agli amici di Luigina. Franco Cordioli aveva detto di chiamarsi, ma al telefono ha risposto un certo Michele. “E’ un problema di inciviltà”, ci dice la pittrice, che ora dovrà tenere il braccio fermo per più di un mese, nella speranza di evitare un’operazione al polso.

 

Chi è Luigina Turri

Pittrice ed artista nata a Verona nel 1954, la Turri ha mosso i suoi primi passi nel mondo del disegno anatomico, poi si è trasferita a Bologna e poi ancora a Modena, dove ha trascorso 33 anni della sua vita professionale come Art Director di un’azienda di piastrelle e ceramiche. Dal 2000 ha cominciato a esporre le sue opere su tela, partendo da Sassuolo. Da qualche anno ha inziato un percorso di “espressività pittorica” fondato sulla ricerca di un connubio tra materia e colore, privilegiando l’uso dei pigmenti e terre naturali.