Giorno del Ricordo: in Gran Guardia studenti ed esuli

Questa mattina in Gran Guardia, hanno preso il via le celebrazioni ufficiali per il Giorno del Ricordo. Molte le testimonianze agli studenti veronesi in platea. Il 10 febbraio, al Cimitero Monumentale, la cerimonia commemorativa e la deposizione delle corone.

Questa mattina, giovedì 6 febbraio, in Gran Guardia, hanno preso il via le celebrazioni ufficiali per il Giorno del Ricordo. Presenti anche le autorità civili e militari di Verona.

È stato un passaggio di testimone: al microfono le voci emozionate degli esuli, in platea gli studenti veronesi in rigoroso silenzio. A scandire il tempo, foto dell’epoca, immagini di Rovigno, Fiume, Pola, ma anche di persone che non sono sopravvissute.

La commemorazione, istituita nel 2004 da una legge dello Stato, ha l’obiettivo di “conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo e della più complessa vicenda del confine orientale”.

«Queste celebrazioni hanno cercato di restituire alla memoria nazionale una pagina che era stata completamente cancellata e che ancora oggi qualcuno vorrebbe ridurre o peggio negare – ha detto il sindaco Federico Sboarina -. Una vera e propria tragedia che coinvolse tanti nostri connazionali e che poi ha trovato un giusto e doveroso riconoscimento da parte delle Istituzioni».

Il sindaco Sboarina

«Verona, negli anni dell’esodo – ha proseguito Sboarina – fu una delle città che maggiormente seppe dare accoglienza. Il chiostro San Francesco, all’interno dell’università, offrì asilo a numerose famiglie d’italiani esuli dalle terre d’Istria, Fiume e Dalmazia».

«Ecco perchè sono convinto di poter contare sul coinvolgimento dell’ateneo scaligero – conclude Sboarina – Per dare a queste celebrazioni nuovo slancio, avvicinandole ai giovani e ai luoghi che frequentano. Migliaia di studenti ogni giorno camminano inconsapevolmente sulla storia, avanti e indietro lungo il chiostro, è giusto che sappiano e partecipino a queste celebrazioni”.

Sono intervenuti anche il Prefetto Donato Cafagna, la presidente della Consulta provinciale degli studenti Camilla Velotta e la presidente del Comitato di Verona dell’Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia-Anvgd Loredana Gioseffi. A seguire le testimonianze degli esuli Tullia Manzin, Marina Smaila e Alfredo Polessi. Presente anche l’assessore alla Cultura Francesca Briani.

Durante la mattinata i familiari di Cosimo Mastropietro hanno ritirato il riconoscimento conferito dal Presidente della Repubblica al brigadiere, fucilato nel 1944 dai partigiani slavi, per “il sacrificio offerto alla Patria”.

Da questa mattina fino a lunedì, dalle 10 alle 19, è aperta al pubblico, nella buvette della Gran Guardia, la mostra fotografica “Dedicata al ricordo”. L’esposizione, ad ingresso libero, è curata dall’Anvgd ed è arricchita dai testi di Guido Rumici.

Le celebrazioni proseguiranno sabato 8 febbraio, alle ore 10.30, in piazza Martiri d’Istria, Fiume e Dalmazia dove sarà deposta una targa a ricordo del dramma dell’esodo e delle foibe. Nel pomeriggio, alle ore 16.30, in Gran Guardia, “Ricordi e musica” con l’Ensemble sull’ali dorate.

Infine, in quella che da sedici anni è la data ufficiale del Giorno del Ricordo, scelta perché il 10 febbraio 1947 vennero sottoscritti i trattati di Pace di Parigi che assegnarono alla Iugoslavia i territori dell’Italia orientale, si terrà la messa solenne. Le istituzioni cittadine, alle ore 10.30, saranno presenti al Cimitero Monumentale per la cerimonia commemorativa e la deposizione delle corone.

I familiari di Cosimo Mastropietro hanno ritirato il riconoscimento conferito dal Presidente della Repubblica al brigadiere.