Pronta la nuova cartellonistica di Amt per il filobus, che sarà posizionata nei prossimi giorni sui cantieri attivi e che mostrerà un render della città una volta terminata l’opera. Un modo per migliorare l’informazione dei cittadini sulla realizzazione del filobus.

I nuovi cartelloni di oltre sei metri mostreranno come saranno le fermate quando Opera entrerà in funzione. I primi render saranno posizionati sui cantieri di via Dolomiti e via Marmolada, successivamente toccherà a via Comacchio e agli altri cantieri aperti. Nel contempo sarà potenziata anche la comunicazione di cantiere, ricordando i numeri telefonici, le pagine social e i siti internet da consultare per avere maggiori informazioni sul progetto e sui provvedimenti viabilistici.

«In questi mesi i cittadini dei quartieri interessati dai cantieri – sottolinea il presidente di AMT Spa, Francesco Barini – stanno subendo gli inevitabili disagi che la costruzione di una grande opera come la filovia comporta. Con queste iniziative di comunicazione e informazione vogliamo dare una visione di prospettiva, immaginare come sarà il futuro dei quartieri con un trasporto pubblico rapido, silenzioso ed ecologico».

Con lo stesso intento AMT Spa ha realizzato un video che mostra il passaggio di Opera all’interno di Verona a partire dai 4 capolinea. Per ogni tratta viene riportata la durata del viaggio e vengono mostrati alcuni passaggi significativi: via Pisano, Porta Vescovo, Stazione di Porta Nuova, Piazza Bra. Nel video viene illustrato anche il funzionamento di “onda verde”, vale a dire la priorità semaforica che scatta all’arrivo della filovia in prossimità degli incroci e che consentirà, unitamente alle corsie preferenziali, di far viaggiare Opera ad una velocità commerciale quasi doppia rispetto agli attuali autobus.

Il filmato illustra anche il funzionamento di Opera nei tratti dove verrà alimentata tramite le linee aeree e le strade in cui invece la filovia transiterà spinta dalle batterie: «Questo filmato – spiega il presidente Barini – è molto importante perché vuol fare chiarezza sulle numerose bufale e fake news che vengono diffuse a proposito della filovia. Opera infatti per lunghi tratti, anche fuori dal centro storico, transiterà utilizzando le batterie e il video mostra il diverso funzionamento del mezzo sulle vie elettrificate e sulle strade non provviste di linee aeree».