Crisi di Governo. Zardini (Pd): «Pd unito per aiutare il Paese»

Il deputato dem ha parlato degli effetti della crisi di Governo, sottolineando la presa di responsabilità del Pd nell'aiutare e servire il Paese.

zardini

Dopo le dichiarazioni della deputata del Pd Alessia Rotta, all’indomani della spaccatura creatasi in Parlamento, parla anche il deputato veneto dem Diego Zardini, che in una nota stampa spiega quali sono le possibili conseguenze di questa crisi estiva.

«Nessuno può dire con certezza quali esiti avrà questa crisi, per lo meno dal punto di vista politico – afferma Zardini – Però i primi effetti economici si vedono, con un aumento vertiginoso dei tassi di interesse. Il Partito democratico stamattina ha dato un segnale di responsabilità verso il Paese. In un momento delicatissimo per l’Italia nella trattativa in corso con l’Unione europea, il Pd ha scelto, come auspicavamo nei giorni scorsi, la strada dell’unità. Il documento votato all’unanimità dalla direzione del partito manifesta la volontà del principale partito di centrosinistra di fare le cose che servono al paese, non quelle più comode per qualche politico».

«Come ha sottolineato Maurizio Martina, oggi la Direzione e il segretario hanno dato un messaggio forte. – continua il deputato dem – Bisogna verificare nel concreto le possibilità di un governo di svolta, in netta discontinuità con il passato. Per attuare le politiche indispensabili a milioni di italiani e, aggiungo, per un Veneto che sarebbe la prima vittima della recessione tedesca che si intravede all’orizzonte. In primo piano mettiamo le questioni sociali: lavoro, crescita, lotta alle diseguaglianze e alla povertà, il mantenimento della sanità pubblica e l’attuazione di politiche ambientali in grado di contrastare il cambiamento climatico e di sviluppare una nuova economia contraddistinta da sostenibilità e innovazione».