Alpini, anche gli studenti alle celebrazioni per il 147° anniversario

Una due giorni che inizia domani e che vedrà piazza Bra ospitare una vera e propria cittadella alpina. Quest'anno, la ricorrenza è centrata sui giovani che hanno partecipato al progetto di Alternanza Scuola Lavoro con i gruppi della Protezione Civile dell'ANA Verona e che domenica sfileranno al fianco delle Penne Nere per le vie del centro storico.

Tra agosto e settembre hanno vissuto fianco a fianco dei nuclei formati della Protezione Civile dell’ANA Verona, studiando e toccando con mano come vengono affrontate le calamità: grandi emergenze, rischio idrogeologico, incendi boschivi, ricerca dispersi. E domenica, in occasione delle celebrazioni per il 147esimo Anniversario della Fondazione delle Truppe Alpine, sfileranno tra le vie del centro città al fianco delle Penne Nere. Sono i giovani studenti, una sessantina di ragazzi dai 16 ai 18 anni, maschi e femmine, che hanno aderito al progetto Alternanza Scuola Lavoro e i ragazzi del campo scuola, allestito ad Angiari, tenuti dall’ANA Verona.

«Alpini, scuola e Protezione Civile è un trittico perfetto, che ci piace molto e che intendiamo portare avanti negli anni a venire», spiega Luciano Bertagnoli, presidente dell’ANA Verona. Domenica alle 10.30 sulla scalinata di Palazzo Barbieri, nell’ambito dei festeggiamenti per il 147esimo che si svolgeranno in centro sabato e domenica, una delegazione di questi giovani riceverà l’attestato di partecipazione ai progetti – che danno diritto anche a crediti formativi – e una maglietta realizzata apposta per loro con la scritta <La Protezione Civile sono anch’io>.

«Inoltre, darò loro una copia della Costituzione Italiana e una bandiera dell’Italia. L’educazione civica e la formazione sociale, oltre che la mobilitazione in prima persona, devono tornare ad essere elementi fondanti nella crescita dei nostri ragazzi», aggiunge Bertagnoli. “Per il secondo anno consecutivo abbiamo aderito al progetto di Alternanza – ora ridefinito PCTO, Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento – portando i ragazzi, attraverso la teoria e la pratica, a conoscere nel dettaglio come operano i nuclei di Protezione Civile”, spiega Elio Maurizio Marchesini, referente del progetto per l’ANA Verona. Articolata in quattro giornate, in quattro differenti teatri di intervento dagli spazi del Quadrante Europa ai boschi sopra Grezzana ai fiumi di Monteforte d’Alpone, i ragazzi hanno lavorato al fianco della Protezione Civile durante le esercitazioni con i nuclei cinofili, sia con i cani da ricerca sotto le macerie che con i cani molecolari, antincendio boschivo, rischio idreogeologico, logistica delle grandi emergenze.

Speculare anche il programma seguito dai 25 giovani che a inizio agosto hanno partecipato al campo scuola dell’ANA Verona: cinque giorni, e notti, ad Angiari con la Protezione Civile. “Senza cellulari a portata ma tanta voglia di imparare e contribuire”, racconta Marchesini.

Prima della cerimonia con i ragazzi, alla quale parteciperà anche il dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale Albino Barresi e per il Comune l’assessore al Decentramento Marco Padovani, la giornata di domenica inizia alle 9 al Sacrario Militare del Cimitero Monumentale per gli onori ai caduti e alla tomba del milite ignoto. Poi, in sfilata insieme alle autorità civili, militari e religiose, le Penne Nere raggiungeranno nuovamente piazza Bra dove alle 11 il vescovo di Verona, Monsignor Giuseppe Zenti celebrerà la Santa Messa.

La due giorni di celebrazioni per il 147esimo anniversario dalla Fondazione delle Truppe Alpine si apre però già domani, alle 11, con l’inaugurazione da parte delle autorità della Piazza Bra allestita con una serie di mostre statiche, strutture e mezzi della Protezione Civile, una palestra di arrampicata dove i bimbi potranno mettere alla prova le proprie capacità in tutta sicurezza. Una vera e propria cittadella alpina, che rimarrà viva e attiva per tutti i veronesi da sabato a domenica pomeriggio, dove saranno presenti il Nucleo di Protezione Civile Sezionale, insieme anche alle unità cinofile, impegnata in dimostrazioni, spiegazioni ed esercitazioni sul campo, il Museo e il Gruppo Storico con divise e materiale d’epoca, la mostra filatelica, il Gruppo Sportivo Sezionale e la palestra di roccia artificiale con l’assistenza del 4° Reggimento Alpini Paracadutisti Ranger.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.