Venezia sommersa, chiesto lo stato di calamità

L'allarme maltempo resta fino a stasera a Venezia come in tutto il Veneto.

venezia acqua alta

Venezia è ostaggio dell’acqua alta. Oggi la città ha dichiarato lo stato di calamità a seguito dell’eccezionale ondata di maltempo che si è abbattuto sulla laguna, dove ieri sono stati sfiorati i 190 cm al picco di marea, con raffiche di vento a 100 km orari.

Ancora in sospeso la conta dei danni, soprattutto alla Basilica di San Marco, la cui cripta è stata completamente sommersa. Chiuse le scuole e gli asili per oggi, mentre il governatore del Veneto, Luca Zaia, ha attivato l’unità di crisi della Protezione civile

Intanto, sempre nella serata di ieri, un anziano di 78 anni è morto fulminato nell’isola di Pellestrina, una delle lingue di terra che dividono Venezia dal mare. L’episodio è avvenuto mentre sulla laguna si è scaricata la tempesta di vento e pioggia. A provocare la morte dell’anziano, secondo le prime informazioni, un corto circuito elettrico innescato dalla marea che gli era entrata in casa.