Odio social, azioni legali della Regione

Caccia sul web ai messaggi contro Venezia e i veneziani postati dopo l'acqua alta del 12 novembre.

Acqua alta assalta Venezia, città vicina al collasso

L’acqua alta ha sommerso Venezia il 12 novembre scorso, ma non solo: la Regione Veneto dichiara guerra ai leoni da tastiera‘ che hanno postato messaggi di odio contro i suoi abitanti e incarica l’Avvocatura generale regionale di scovare tutte le frasi incriminate per avviare azioni giudiziarie contro i responsabili.

Sul Bollettino ufficiale della Regione Veneto è stato pubblicato l’estratto della delibera approvata dalla giunta il 19 novembre che dà il via alle carte bollate. L’obiettivo è quello di far valutare agli avvocati regionali quali azioni legali intraprendere nei confronti di chi ha attaccato gli abitanti veneziani e veneti. A partire dai messaggi postati ‘in rete’ nei giorni delle acque alte. (Ansa)