Grezzanella, botta e risposta tra D’Arienzo e De Berti

A scatenare la polemica tra il senatore dem e l'assessore regionale leghista, la mancata realizzazione della SR 62 "Grezzanella".

d'arienzo e de berti

Botta e risposta tra il senatore del Pd veronese Vincenzo D’Arienzo e l’assessore regionale del Veneto ai Trasporti, Elisa De Berti. La querelle è nata stamattina, a seguito delle dichiarazioni del senatore riportate all’interno del suo blog, dove accusa la Regione di non aver gestito in maniera adeguata le strade venete, tra cui la SR 62 “Grezzanella”.

«A fronte di competenze assegnate il Veneto non è stato in grado di sviluppare alcunché. Le condizioni delle strade citate sono sotto gli occhi di tutti. Da anni si parla di varianti per snellire il traffico, ma nulla è stato fatto. – scrive D’Arienzo – Dopo anni di abbandono, incuria e mancati investimenti, il Veneto “ripassa” così alcune strade regionali alla gestione statale di ANAS».

Pronta la risposta dell’assessore De Berti, che parla di “falsità”: «Non amo entrare nelle polemiche ma non posso accettare di essere accusata di dire falsità. Se il senatore D’Arienzo tanto facilmente attribuisce falsità a qualcuno, evidentemente è lui il primo ad essere predisposto perché sta prendendo in giro i cittadini e gli elettori. Che il Pd veronese accusi la Regione di non aver posto la realizzazione del secondo stralcio della Grezzanella tra le opere prioritarie, oltretutto, è un segno di povertà politica al quale ho il dovere di replicare»

«Sia con l’amministratore delegato Gianni Armani ai tempi del ministro Delrio sia con il suo successore Massimo Simonini col ministro Toninelli, abbiamo condiviso quali devono essere gli investimenti che Anas realizzerà sulle strade oggetto del decreto di riclassificazione che il presidente Conte deve firmare. – continua l’assessore regionale – Ad ostacolare l’avvio dei lavori, quindi, è soltanto l’attesa della firma del decreto da parte del Presidente del Consiglio dei Ministri. Mi sento di tranquillizzare tutti i cittadini che la Grezzanella si farà».