Sea Watch viola il divieto e punta Lampedusa

«I 42 naufraghi sono allo stremo» dice la comandante Carola Rakete.42 naufraghi sono allo stremo

Sea Watch

Dopo 14 giorni in mezzo al mare, la comandante della Sea Watch 3 Carola Rackete viola il divieto di ingresso nelle acque territoriali italiane e punta la prua verso Lampedusa.

«So cosa rischio ma i 42 naufraghi sono allo stremo. Li porto in salvo» ha detto subito dopo non aver risposto all’alt intimato dalla Guardia di Finanza. La comandante, in base al decreto sicurezza bis, rischia una multa di 50mila euro e il sequestro della nave. E sia lei sia l’equipaggio potrebbero essere denunciati per favoreggiamento dell’immigrazione.

«Nessuna soluzione politica e giuridica è stata possibile, l’Europa ci ha abbandonati. La nostra Comandante non ha scelta» dicono dalla Ong.

Furibonda la reazione di Matteo Salvini. «Chi sbaglia paga. L’autorizzazione allo sbarco non c’è, schiero la forza pubblica, la difesa dei nostri confini è sacra» dice il ministro prendendosela con la comandante, una «sbruffoncella che fa politica», così la definisce, e con l’Olanda, la Germania e l’Ue, «che risponderanno» per la nave.

Contro Bruxelles anche l’altro vicepremier Di Maio: «L’Europa deve svegliarsi e rivedere Dublino perché non è possibile che tutti i migranti continuino a sbarcare in Italia».

Il Pd intanto chiede un incontro a Conte. «Le chiedo un incontro urgente per discutere delle politiche sul tema dell’immigrazione e della gestione dei flussi. Credo siano temi da affrontare in maniera seria, responsabile e istituzionale evitando di offrire al Paese questo osceno teatrino indegno per un Paese civile». Lo scrive il segretario nazionale del Pd Nicola Zingaretti in una lettera inviata al Presidente del Consiglio Conte sulla vicenda Sea Watch. (Ansa)