Attacco iraniano alle basi militari in Iraq

Anche soldati italiani fra gli occupanti delle basi militari in Iraq colpite dall'Iran per vendicare l'uccisione di Qassem Soleimani.

attacco basi militari iraq missile razzo

L’Iran ha lanciato l’operazione “Soleimani Martire” sferrando un attacco missilistico in Iraq contro due basi che ospitano le truppe americane e quelle della coalizione, tra cui militari italiani.

Una pioggia di cruise e di missili balistici a corto raggio partita dal territorio iraniano e che si è abbattuta contro la base di al-Asad e contro quella di Erbil, come prima rappresaglia per l’uccisione del generale Qassem Soleimani da parte degli Usa.

Nessun militare italiano è rimasto ferito nell’attacco e «i mezzi e le infrastrutture in uso al contingente militare italiano non hanno subito danni». Lo afferma lo Stato Maggiore della Difesa in una nota.

«In queste ore difficili siamo tutti vicini ai militari italiani in missione a Erbil e in tutto il territorio iracheno» ha scritto su twitter il commissario europeo Paolo Gentiloni.

Considerando l’attuale scenario internazionale e della crisi dei rapporti fra Stati Uniti e Iran, il Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria Francesco Basentini ha inviato oggi una nota ai direttori e ai comandanti degli istituti penitenziari per elevare il livello di allerta e di sensibilità nei confronti di un possibile innalzamento della minaccia terroristica. (Ansa)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.