Brennero, chiuso il tratto tra Vipiteno e il confine

La protezione civile ha deciso di chiudere un tratto della A22 per rischio valanghe. Da ieri quasi 300 uomini sono al lavoro per garantire la sicurezza ai tir e ai veicoli in transito.

Neve al Brennero, spazzaneve in azione

Sono 280 uomini e 220 mezzi tra lame spazzaneve, spargisale e furgoni degli Ausiliari della viabilità dispiegati lungo la A22 da ieri mattina per garantire la continuità del servizio autostradale nonostante la straordinaria nevicata che da venerdì sta interessando la tratta in particolare a nord di Bolzano. Oggi è stato chiuso per rischio valanghe, il tratto in direzione nord, tra Vipiteno e il confine di Stato.

Già nella serata di ieri, la macchina dei soccorsi aveva dovuto affrontare il traversamento di alcuni mezzi pesanti che transitavano senza idonea attrezzatura invernale. Per evitare che il tradizionale blocco alla circolazione notturna dei mezzi pesanti imposto dalle Autorità austriache (dalle 22 alle 5) potesse produrre situazioni di pericolo, la gran parte degli stalli disponibili nell’autoparco Sadobre erano stati tenuti liberi, così da poter offrire ricovero ai numerosi mezzi pesanti che da ieri sera hanno continuato a transitare in direzione nord. Un accorgimento che ha permesso di organizzare efficacemente, fino allo stop di oggi, alla barriera di Vipiteno, la delicata gestione dei mezzi diretti oltre il passo del Brennero a 1.372 metri di quota: i convogli di tir erano stati incolonnati dietro ai mezzi sgombraneve che li avevano scortati fino al confine.

Spazzaneve scortano i tir lungo la A22

Incolonnamenti di mezzi pesanti si erano registrati già a partire dalle 7:00 di ieri tra Bolzano nord e Vipiteno a causa della necessità di smaltire il notevole volume di veicoli fermatosi prima del passo durante il blocco notturno, ma nonostante le condizioni meteo particolarmente avverse, la celerità del servizio di sgombero neve aveva permesso il transito al Brennero, alle 15:00 sempre di ieri, di oltre 3.000 tir. Per alleggerire la pressione nella tratta interessata dalle nevicate, tra San Michele ed Egna era stato predisposto in corsia di marcia uno “stoccaggio” di circa 7 km per i mezzi pesanti. Pronta in caso di necessità la deviazione in A4.

Spazzaneve in azione