Negrar, via libera al progetto della ciclopedonale sulla SP12

Arrivata la delibera dalla Giunta per la realizzazione di un percorso ciclopedonale lungo la strada tra San Vito e la sede della Cantina Sociale di Negrar.

ciclabile ciclovia ciclovie turistiche veneto
Foto d'archivio

Via libera nell’ultima riunione della Giunta Comunale di Negrar di Valpolicella al “Documento di fattibilità delle alternative progettuali” (Docfap) per importanti interventi lungo la Strada Provinciale 12 tra San Vito e la sede della Cantina Sociale di Negrar. La delibera per la realizzazione di un percorso ciclopedonale sul lato ovest della strada provinciale, che includa anche la sistemazione dell’ambito della fermata bus in prossimità della cantina appena a sud di via Ca’ Salgari, rappresenta il tassello fondamentale di un quadro di interventi con cui l’Amministrazione punta gradualmente, ma nel più breve tempo possibile, a risolvere la problematica della sicurezza sulla SP12 nel tratto che va dalla frazione di Santa Maria fino all’ospedale Sacro Cuore. 

Tale problematica è stata analizzata e affrontata nelle sue diverse sfaccettature da due strumenti significativi di cui si è dotato il Comune negli ultimi anni: il Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU), e il Masterplan della SP12, fatto predisporre e di recente adottato dall’Amministrazione proprio per far fronte all’esigenza di comporre un quadro organico della strategia di intervento su tutto l’asse della provinciale che attraversa il comune. 

LEGGI LE ULTIME NEWS

«L’asta della SP12 rappresenta in assoluto nel nostro territorio l’asse più interessato da incidenti, sia per quel che riguarda la tratta nel suo complesso che singoli punti specifici – inquadra l’argomento il sindaco Roberto Grison -: il costo sociale dell’incidentalità sull’asta ha un peso enorme, e devono quindi essere adottate misure efficaci con massima priorità. È del tutto evidente che la sicurezza debba essere la prima questione da affrontare negli interventi sulla SP12, dal momento che sotto il profilo viabilistico gli unici fenomeni di congestione da traffico si riscontrano in alcune fasce orarie in via Casette a causa dei flussi veicolari conflittuali che impegnano la rotatoria di Santa Maria».

Tre sono i progetti, in corso o in fase di finalizzazione, che ad oggi riguardano la messa in sicurezza dell’asse viario: il primo, in corso, finanziato a bilancio e cofinanziato dalla Provincia di Verona per una somma di 188.000 euro, riguarda il tratto da Cà Sottocastello alla fine di San Vito; il secondo riguarda l’illuminazione tra il Ponte di Saga e San Vito, coperto con accordo pubblico privato per altri 93.150 euro; il terzo, il cui documento di fattibilità è stato oggetto dell’ultima approvazione di Giunta, è finalizzato alla partecipazione a bando provinciale per la messa in sicurezza del segmento tra San Vito e Ca’ Salgari, per un importo di 650mila euro.

LEGGI ANCHE: Zanzare: nelle farmacie veronesi il kit antilarvale a prezzo calmierato

«Abbiamo preso in carico con grande impegno la questione relativa alla riqualificazione generale della SP12, principale strada di accesso a Negrar, che costituisce al tempo stesso l’ingresso ma anche il biglietto da visita del capoluogo – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Bruno Quintarelli -. Oltre ad aver messo in campo da tempo energie e risorse proprie del Comune, stiamo investendo soprattutto nella stretta collaborazione tra Comune e Provincia, ente proprietario della strada, per la risoluzione di un problema cruciale come quello della sicurezza stradale. È lo stesso spirito con cui è stato possibile mettere in sicurezza il centro di San Vito, fermate bus e percorsi pedonali».

«Le reali problematiche che emergono per il tratto interessato dal provvedimento di Giunta – continua Quintarelli – sono sostanzialmente quattro: l’assenza di percorsi ciclabili e percorsi pedonali, fatti salvi brevi tratti frammentati; l’inadeguatezza degli spazi e dei percorsi di accesso di alcune fermate bus; le velocità di transito generalmente registrate, soprattutto in alcune ore di punta; la mancanza di illuminazione stradale. Partendo da queste premesse il Masterplan per la riqualificazione e messa in sicurezza della SP12 frutto di una prima fase di co-progettazione e condivisione di intenti tra Comune di Negrar di Valpolicella, Provincia di Verona e progettisti si è posto come obiettivo la ricerca di soluzioni che possano migliorare la fruizione della strada da parte della mobilità ciclabile e pedonale che, tipicamente, si muove sui suoi bordi, anche per raggiungere le fermate del servizio di trasporto pubblico».

LEGGI ANCHE: Installato a Verona un sistema di irrigazione degli alberi con sacchi di acqua

La proposta progettuale dell’ultima delibera integra quindi una serie di interventi che costituiranno un percorso protetto continuo per pedoni e ciclisti sul bordo ovest della strada, su un tratto di circa 320m distinto in due ambiti: il primo riguarderà la realizzazione di un percorso ciclopedonale in fregio alla strada per una lunghezza di circa 240 m; il secondo consisterà nella sistemazione degli spazi a bordo strada compresi tra l’intersezione con via Ballarin e via Ca’ Salgari, incluso l’ambito della fermata bus, e nella realizzazione di un tratto di ciclopedonale su marciapiede. 

Nel complesso verranno realizzate le opere per la pubblica illuminazione, la gestione delle acque meteoriche, parapetti e barriere di separazione tra percorsi pedonali e carreggiate, segnaletica orizzontale e verticale, cordoli a protezione dei tratti di marciapiede e posa di eventuali alberi e isole verdi.

«Per quanto riguarda l’aspetto economico, il costo totale degli interventi in programma è quantificato in complessivi 921.000 euro – conclude l’assessore Quintarelli – che sono coperti da fondi comunali, da un finanziamento da parte della Provincia già aggiudicato, e altro in corso di ammissione, e da accordi pubblico-privati. Per quanto riguarda le tempistiche di realizzazione, tra il completamento delle successive fasi progettuali, le gare per l’aggiudicazione dei lavori e l’esecuzione degli stessi si può stimare l’inizio delle prime lavorazioni nel corso del 2024». 

LEGGI ANCHE: Al Consorzio ZAI il Premio Verona Network 2024