Necrologi: «Mancano gli spazi per le affissioni»

A lanciare l'allarme è la presidente della seconda circoscrizione Elisa Dalle Pezze. In seguito alla modifica del Regolamento comunale, gli annunci vanno affissi solo nelle bacheche AGEC, che però scarseggiano. «Solo sette tra Borgo Trento, Avesa, Quinzano, Parona, Valdonega, Ponte Crencano».

Una bacheca dell'AGEC satura di necrologi. (foto da Montorioveronese.it)
Una bacheca dell'AGEC satura di necrologi. (foto da Montorioveronese.it)

A Verona non c’è più spazio per i necrologi, almeno questo è ciò che sostiene la presidente della 2^ Circoscrizione del Comune di Verona Elisa Dalle Pezze che nei giorni scorsi ha fatto notare a mezzo stampa come a marzo 2021 il Consiglio Comunale abbia approvato il Regolamento del canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria inserendo alcuni aggiornamenti normativi ed elementi di novità nella disciplina.

Una di queste riguarda l’articolo 89 il quale prevede che gli annunci funebri debbano essere posizionato esclusivamente negli spazi predisposti o autorizzati dal Comune di Verona, costituiti dalle bacheche fornite da Agec e da altre bacheche collocate nei quartieri, pena la sanzione, per evitare l’affissione selvaggia su muri, abitazioni abbandonate, cabine elettriche con conseguenze sul decoro urbano e per rispetto delle persone che le hanno commissionate.

Elisa dalle Pezze
Elisa dalle Pezze

«All’entrata in vigore del Regolamento avrebbe dovuto seguire l’individuazione di tali spazi aggiuntivi alle bacheche che però non è avvenuta, – spiega Dalle Pezze – portando la cittadinanza a lamentare l’impossibilità di poter essere informati e di poter manifestare vicinanza alle famiglie coinvolte dai lutti».

«In Circoscrizione 2^ questo ha comportato una riduzione degli spazi per le affissioni a sole sette bacheche fornite da AGEC della cui installazione si era, tra l’altro, fatta carico proprio la Circoscrizione negli scorsi anni e che non sono sicuramente insufficienti per dare una diffusa comunicazione ai cittadini» conclude la presidente.

Nella seduta di dicembre il Consiglio della Circoscrizione, con un documento proposto dal Partito Democratico e approvato all’unanimità, ha sollecito l’Amministrazione Comunale ad attivare quel percorso, che avrebbe dovuto partire già da marzo scorso, per mettere a disposizione ulteriori stendardi del parco mezzi per le pubbliche affissioni collocati nei quartieri. L’ordine del giorno chiede anche di valutare l’acquisto di nuove bacheche in modo da consentire, nel rispetto del decoro urbano, una dignitosa informazione e comunicazione.