Nascondevano 1 kg di droga, a tradirli l’odore in auto

I due, già noti alle forze dell’ordine, sono stati fermati per un controllo di routine dai carabinieri di Peschiera. Messi alle strette dai militari per il forte odore di marijuana, hanno consegnato un piccolo quantitativo nascosto sotto il sedile.

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Peschiera del Garda hanno tratto in arresto due cittadini di origine albanese, classe ‘94 e classe ‘89, entrambi residenti da tempo a Peschiera, in quanto trovati in possesso di sostanza stupefacente per oltre 100 grammi. I due soggetti, ben conosciuti dai militari per i loro trascorsi penali, sono stati notati in via Miralago della località Sermana di Peschiera del Garda, a bordo di un’autovettura. I militari, dopo averli fermati per un controllo, insospettiti dal forte odore tipico di marijuana proveniente dall’abitacolo, hanno chiesto ai due se erano in possesso di droga. Questi, avendo ben compreso di non avere alcuna possibilità di passare indenni dal controllo, hanno consegnato spontaneamente un sacchetto in cellophane, occultato sotto il sedile passeggero. Dalla perquisizione personale e del veicolo, sono poi stati recuperati altrettanti 2,5 grammi circa divisi in due dosi pronte per essere cedute. Riscontrati quindi la flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, i carabinieri hanno arresto i due albanesi.

Da ulteriori sviluppi investigativi, si è poi accertato che i malfattori avevano acquistato la sostanza stupefacente a Castiglione delle Stiviere da un uomo e che quindi disponevano di un quantitativo piuttosto ingente, nascosto a Desenzano del Garda nell’abitazione di una loro amica. A casa di quest’ultima sono stati sequestrati altri 640 grammi di marijuana, 20 di hashish e 1 di cocaina, suddiviso in tre dosi, nonché un bilancino di precisione. In relazione a quest’ultimo rinvenimento, i due albanesi e la donna venivano deferiti in stato di libertà alla della Procura della Repubblica di Brescia.

In data odierna, il Giudice della Sezione penale del Tribunale di Verona ha convalidato l’arresto dei due albanesi e ha ordinato a carico degli stessi l’applicazione della misura personale coercitiva dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria dal lunedì al venerdì, aggiornando l’udienza ad altra data in relazione alle richieste avanzate dalla difesa.