Nasce in Veneto la cabina di regia contro le infiltrazioni mafiose

Si è tenuto venerdì nella sede della Protezione Civile di Marghera l'incontro della cabina di regia del Veneto contro le infiltrazioni mafiose. Il punto dell’assessore alla Sicurezza del Veneto Cristiano Corazzari.

assessore Regione Veneto Cristiano Corazzari
Assessore della Regione Veneto Cristiano Corazzari

«La Regione del Veneto è da sempre impegnata nel promuovere iniziative mirate alla diffusione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile in tutti gli ambiti in cui è parte attiva. Il nostro impegno non si esaurisce però solo nell’ambito dei contratti pubblici di servizi e forniture ma intende porre l’accento anche sul sistema produttivo e imprenditoriale veneto, per sradicare le infiltrazioni e trovare gli anticorpi che possano prevenire una recrudescenza del fenomeno».

Lo ha sottolineato l’assessore alla Sicurezza della Regione del Veneto, Cristiano Corazzari, intervenendo venerdì all’incontro della cabina di regia, istituita per l’attuazione del protocollo d’intesa contro le infiltrazioni mafiose negli appalti.

L’incontro, che si è svolto nella sede della Protezione Civile di Marghera, ha visto coinvolti Pierluigi Granata rappresentante designato dell’Osservatorio per il contrasto alla criminalità organizzata e mafiosa e la promozione della trasparenza, il consigliere regionale Roberto Bet, rappresentante designato dal Consiglio Regionale, i funzionari o delegati delle aree regionali politiche economiche, capitale umano e programmazione comunitaria, marketing territoriale, cultura, turismo, agricoltura e sport, sanità e sociale, tutela e sicurezza del territorio, risorse finanziarie, strumentali, ICT ed Enti locali, infrastrutture, trasporti, lavori pubblici e demanio.

LEGGI LE ULTIME NEWS

«La cabina di regia nasce proprio con l’intento di creare una rete di monitoraggio allargata – ha ribadito l’assessore -, capace di coordinare azioni comuni e avviare un dialogo vivo anche con le parti sociali. La prevenzione e il controllo devono, infatti, partire dal basso perché proprio dal basso si può diramare una mentalità diffusa di rispetto della legalità che sostenga lo sviluppo dei territori, promuova la protezione della libertà degli operatori economici e assicuri il regolare svolgimento delle dinamiche imprenditoriali, con trasparenza e sana concorrenza».

«Un impegno che vogliamo consolidare nel settore dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture e imprimere nel mondo dell’impresa, della cooperazione e delle istituzioni scolastiche, all’interno degli enti locali, così come in ambito privato, per favorire il coinvolgimento diretto di tutti coloro che quotidianamente possono trovarsi ad affrontare situazioni di pericolo, indotte dalla criminalità organizzata o di stampo mafioso» ha concluso Corazzari.

Prossimamente si svolgerà anche un incontro del Tavolo previsto dal protocollo d’intesa con le Parti sociali, ANCI, UPI, Banca d’Italia, Unioncamere e Comitato Unitario Ordini professionali del Veneto.

LEGGI ANCHE: Dove fare i tamponi a Verona e provincia. La tabella aggiornata

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM