Morto in un incidente il papà del ministro Stefani. Il cordoglio di Zaia e Rotta

Cordoglio da parte del presidente del Veneto, Luca Zaia, e da parte del mondo politico per il ministro Erika Stefani, che ieri ha perso il padre in un incidente di rally in Algeria.

“Sono profondamente addolorato da questa tristissima notizia. Un legame di sincera amicizia e stima mi unisce a Erika e posso solo immaginare la sua grande sofferenza per la perdita di un papà che le è sempre stato vicino, che l’ha cresciuta, incoraggiata nelle sue attività professionali e politiche, amata. Un uomo dinamico, attivo, che ha coltivato fino all’ultimo la straordinaria passione per i motori e le gare motociclistiche in particolare”. Con queste parole il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, esprime la sua vicinanza al ministro degli affari regionali, Erika Stefani, il cui padre Giovanni è deceduto ieri in un incidente in un rally in Algeria.

“Ho avuto la fortuna di conoscere il papà di Erika – continua il Presidente – e di apprezzarne, anche attraverso i racconti della figlia, lo spirito di iniziativa, l’impegno nel lavoro e nel suo mestiere di macellaio, l’attenzione per i valori sportivi, essendo stato a lungo anche il presidente dell’hockey Trissino. In una sola parola un Veneto, un uomo che ha dedicato al meglio la sua vita per il lavoro, per la sua famiglia e anche per le sue passioni”.

“Esprimo le mie condoglianze a Erika, alla mamma, al fratello e a tutti i suoi familiari – conclude Zaia –, interpretando anche i sentimenti di profondo cordoglio di tutti i colleghi della Giunta regionale”.

Anche la vicepresidente vicaria dei deputati del Partito Democratico, Alessia Rotta, in una nota ha espresso il proprio cordoglio per il ministro: “Non sono le parole a lenire i dolore, ma vogliamo esprimere cordoglio e la vicinanza di tutto il gruppo parlamentare del Partito Democratico a Erika Stefani per la prematura scomparsa del padre”.