Morti sul lavoro: Verona in zona rossa

In Veneto sono 94 i decessi da gennaio a novembre 2023 (contro i 104 del 2022). Il più elevato numero di decessi si è verificato in provincia di Verona, con 31 vittime. Le Attività Manifatturiere si confermano in cima alla graduatoria delle denunce di infortunio in occasione di lavoro, seguite da Costruzioni, Sanità, Commercio e Trasporti e Magazzinaggio.

Mafia aziende Veneto cantiere caporalato operai cantieri morti sul lavoro

«Il Veneto è una delle regioni con una popolazione lavorativa tra le più elevate nel Paese e anche per questo si trova al secondo posto per numero di vittime sul lavoro. Ma quando si analizza il rapporto tra infortuni mortali e popolazione lavorativa, il Veneto nel suo complesso, risulta essere una delle regioni con un rischio di morte inferiore, anche se di pochissimo, rispetto alla media nazionale: una buona notizia, purtroppo non vera in tutte le sue province». Mauro Rossato, Presidente dell’Osservatorio Vega Engineering di Mestre, inizia così l’esplorazione dell’ultima indagine elaborata dal proprio team relativa ai primi undici mesi del 2023.

«Infatti, analizzando i dati pesati sulla popolazione lavorativa si scopre che alcune province presentano un rischio di infortunio mortale sul lavoro superiore alla media nazionale. In particolare, le province a maggior rischio risultano essere: Verona e Belluno, che si trovano in zona rossa. Vicenza è invece l’unica provincia del Veneto in zona bianca, con un rischio di infortunio mortale sul lavoro molto inferiore rispetto alla media nazionale».

LEGGI LE ULTIME NEWS

Il rischio di morte in Veneto: Verona in zona rossa

Per individuare le aree più fragili dell’Italia e della regione sul fronte della sicurezza sul lavoro, l’Osservatorio mestrino elabora una mappatura del rischio rispetto all’incidenza della mortalità.

La zona gialla, quella in cui è entrato il Veneto a fine agosto 2023, è la zona che, subito dopo la bianca, raggruppa le regioni con l’incidenza di mortalità sul lavoro tra le meno elevate a livello nazionale. E a fine novembre 2023, il rischio di infortunio mortale in Veneto (32,2 morti per milione di occupati) risulta di poco inferiore alla media nazionale, pari a 32,3.

Per quanto riguarda le incidenze nel dettaglio in regione, si scopre che Verona e Belluno sono le uniche province venete a trovarsi in zona rossa con un’incidenza rispettivamente di 60,2 e 45,7 e sono seguite in zona arancione da Treviso (34,4) e Rovigo (32,3). In zona gialla si trovano Venezia (26,8) e Padova (24,2). In zona bianca Vicenza (10,4).

LEGGI ANCHE: Autovelox a Verona: ecco dove sono questa settimana

Infortuni totali (mortali e non) da gennaio a novembre 2023

Sono 94 i decessi da gennaio a novembre 2023 (contro i 104 del 2022): 69 quelli rilevati in occasione di lavoro (1 in più dello scorso anno) e 25 quelli in itinere (11 in meno del 2022).

Il più elevato numero di decessi si è verificato in provincia di Verona (31). Seguono: Venezia con 20 vittime, Treviso (16), Padova (13), Vicenza (7), Belluno (4) e Rovigo (3).

E anche quando si osserva la graduatoria degli infortuni mortali in occasione di lavoro (quindi esclusi quelli in itinere), è sempre Verona ad indossare la maglia nera con 25 decessi. Seguono: Treviso (13), Venezia e Padova (10), Belluno e Vicenza (4) e Rovigo (3).

Il Veneto, poi, è secondo in Italia sia per numero di vittime totali dopo la Lombardia (160) ed è terzo per decessi in occasione di lavoro sempre dopo la Lombardia (123) e la Campania (70).

Sono 64.749 le denunce di infortunio complessive su un totale, in Italia, di 542.568. Vale a dire circa il 12% di quelle rilevate a livello nazionale. Oltre un infortunio su undici in Italia si verifica in Veneto.

LEGGI ANCHE: Vinitaly 2024, a Verona 4mila aziende e oltre 30mila operatori internazionali

A novembre una flessione delle denunce di infortunio totali

Alla fine di novembre 2023 le denunce di infortunio totali sono diminuite del 17,4% rispetto alla fine di novembre del 2022: erano 78.371 e ora sono 64.749. Un decremento questo, è opportuno nuovamente sottolinearlo, dovuto quasi esclusivamente alla scomparsa dalle statistiche degli infortuni connessi al Covid.

L’attività manifatturiera resta il settore più colpito in Veneto

Le Attività Manifatturiere, anche dopo i primi undici mesi del 2023, sono ancora in cima alla graduatoria delle denunce di infortunio in occasione di lavoro (12.871). Sono seguite da: Costruzioni (4.056), Sanità (3.612), Commercio (3.567) e Trasporti e Magazzinaggio (3.360).

A Verona il numero più elevato di denunce totali

Ed è sempre la provincia di Verona quella con il maggior numero di denunce totali di infortunio (13.228), seguita da: Vicenza (12.479), Padova (12.310), Treviso (11.384), Venezia (10.858), Belluno (2.393) e Rovigo (2.097).

Infortuni per genere, nazionalità ed età

  • Infine, sono 21.474 le denunce di infortunio delle donne lavoratrici e 43.275 quelle degli uomini.
  • Le denunce dei lavoratori stranieri sono 16.945.
  • Le denunce di infortunio fino a 14 anni sono 4.655, ovvero il 7,2% del totale degli infortuni dei lavoratori veneti.

Cos’è l’incidenza degli infortuni?

L’incidenza degli infortuni mortali indica il numero di lavoratori deceduti durante l’attività lavorativa in una data area (regione o provincia) ogni milione di occupati presenti nella stessa. Questo indice consente di confrontare il fenomeno infortunistico tra le diverse regioni, pur caratterizzate da una popolazione lavorativa differente.

LEGGI ANCHE: Attacco Iran a Israele, Meloni: «Forte preoccupazione»

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM