Morbidelli, la grande sfida ora è la MotoGP

Franco_Morbidelli

Il Campione del Mondo di Moto2, ieri ospite alla festa dei dieci anni di Europe Energy, azienda veronese neo sponsor del team Estrella Galicia, ha raccontato le emozioni del successo passato e quelle che accompagnano l’anno prossimo in cui lo vedremo in pista in MotoGP.

L’esordio in Moto2, quella che fino al 2010 veniva definita  la classe intermedia delle 250 cc, è avvenuto nel 2013 con la Suter MMX2 del team Gresini Racing. Tre Gran Premi per testare il terreno di una categoria a lui, fino a quel momento, sconosciuta. Poi un’escalation fino al Titolo mondiale di categoria ottenuto la scorsa stagione con una gara di anticipo per il ritiro, poche ore prima della partenza del Gran Premio della Malesia, del suo diretto rivale per il titolo: Lüthi.

Una vittoria a tavolino, e non su pista, ottenuta tuttavia a suon di successi nella stagione appena conclusa in cui Franco Morbidelli aveva iniziato con la sua prima pole position e la sua prima vittoria in Moto2 in Qatar.

Vittorie anche nei due Gran Premi successivi, in Argentina e Austin, diventando il primo pilota a vincere le prime tre gare stagionali nella classe intermedia dal 2001, quando Daijirō Katō vinse le prime quattro nell’allora classe 250cc. Il quarto successo stagionale arriva nel quinto appuntamento dell’anno in Francia. Dopo due prove incolore in Italia e Catalogna, torna sul gradino più alto del podio in Olanda, ripetendosi in Germania e in Austria, dopo un ottavo posto nella rocambolesca gara di Brno per poi ritornare a vincere in Aragona. In Australia e Malesia giunge terzo.

Tanto gli basta per alzare la coppa di Campione del Mondo in cielo e diventare il primo pilota italiano a vincere il Titolo mondiale in Moto2. Franco Morbidelli, che abbiamo incontrato ieri sera alla festa dei dieci anni dell’azienda veronese e nuovo sponsor Europe Energy, presieduta da Matteo Ballarin, ha riportato in Italia un successo a otto anni di distanza da quello di Valentino Rossi in MotoGP, nel 2009, e a nove dal successo di Marco Simoncelli, nel 2008, nella classe intermedia.

Ora, con la testa, è già proiettato al MotoGP, categoria regina delle due ruote, in cui gareggerà la prossima stagione.

GUARDA L’INTERVISTA DI TV7 VERONANETWORK