Mille Miglia, Verona tappa finale per la prima volta

La Mille Miglia torna a Verona: per la prima volta la nostra città sarà tappa finale della corsa, non solo quindi un punto di passaggio ma una vera e propria vetrina per le auto partecipanti alla trentanovesima edizione dello storico evento. L'appuntamento è per sabato 19 giugno

La presentazione della tappa a Verona della Mille Miglia.

Sabato 19 giugno, giornata di apertura del Festival Lirico, saranno oltre 375 le vetture d’epoca che la mattina arriveranno al cospetto dell’Arena: Verona sarà la tappa finale della Mille Miglia. Precedute da un numero limitato di esclusive Hypercar, Supercar e prototipi Full-electric che affronteranno la sfida di compiere in modalità elettrica l’intero percorso, oltre 1.700 chilometri da nord a sud.

Il programma prevede alle ore 11 l’arrivo delle prime 100 auto iscritte al Ferrari Tribute, mentre la prima vettura storica farà il suo ingresso in piazza Bra, arrivando da corso di Porta Nuova, per mezzogiorno. I concorrenti sosteranno per il pranzo sul Liston e poi ripartiranno per arrivare a Brescia.

L’evento è stato presentato questa mattina, all’interno dell’anfiteatro Arena, dal sindaco Federico Sboarina, insieme ad Adriano Baso e Riccardo Cuomo, Presidente e Direttore dell’Automobile Club Verona, Alberto Piantoni e Giuseppe Cherubini, rispettivamente Amministratore Delegato di 1000 Miglia Srl e Vicepresidente del Comitato Operativo 1000 della Miglia 2021. Presente anche il Sovrintendente di Fondazione Arena Cecilia Gasdia.

«Non posso nascondere una grande soddisfazione per il ritorno della Mille Miglia in Piazza Bra a quattro anni dall’ultima volta, nel 2017 – ha commentato il Presidente dell’Automobile Club Verona Adriano Baso – sarà un’occasione speciale per tanti motivi: per la data estiva, per la sosta in Bra come non è mai accaduto nella storia della Freccia Rossa, per l’esclusivo passaggio nel giorno di sabato, un sabato molto particolare dato che sarà la giornata della Prima in Arena. Sarà un evento che definirei storico per la nostra città e che ci auguriamo di poter vivere quanto più da vicino possibile. Un grazie di cuore al Comune e al Sindaco Sboarina, da sempre al nostro fianco per aver concesso con grande entusiasmo di riportare la Mille Miglia nel salotto di Verona».

«C’è grande attesa per questo ritorno e soprattutto per le modalità con cui si svolgerà il passaggio – ha aggiunto il Direttore dell’AC Verona Riccardo Cuomo. – La 1000 Miglia coinvolgerà i ristoratori del Liston forse in uno dei momenti storici in cui il settore è stato maggiormente colpito e per questo le sinergie che si sono attivate sono state un grande valore aggiunto. Da un punto di vista prettamente logistico e organizzativo non sarà uno scherzo, avremo più aree hospitality, le vetture percorreranno tutta la piazza e il disallestimento andrà fatto in maniera precisa per permettere il regolare svolgimento della Prima in Arena. Un momento davvero importante per Verona al quale siamo orgogliosi di poter contribuire».

«Un tripudio di emozioni, perché Verona quest’anno non sarà solo meta di passaggio della Mille Miglia ma una vera e propria tappa della corsa più appassionante ed evocativa in assoluto – ha affermato Sboarina -. L’inversione del percorso, vera novità del 2021, permetterà alla nostra città di essere l’ultimo punto di sosta d’Italia. Le vetture storiche più belle di sempre arriveranno nel nostro salotto cittadino, piazza Bra, dove si fermeranno e potranno essere ammirate da tutti. In concomitanza con la prima in Arena e quindi l’apertura del festival lirico. Per qualche ora saremo un museo a cielo aperto di tante vetture d’epoca, una cartolina che girerà nel mondo e che porterà fuori dai confini nazionali l’immagine di una città viva e in continuo fermento. Il tutto grazie alla sinergia con Fondazione Arena, ma anche con i ristoratori della piazza che hanno accolto l’opportunità di ospitare gli equipaggi durante la sosta, nonostante le difficoltà del momento. Oggi, più che mai, abbiamo bisogno di eventi di carattere internazionale per riaccendere i grandi riflettori, quelli che purtroppo sono ancora spenti ovunque. Noi siamo pronti ad avviare i motori, non solo quelli automobilistici, ma anche degli spettacoli dal vivo, della cultura musicale e teatrale. Eventi che sono sempre stati emozionanti, ma che quest’anno assumeranno un valore simbolico ancor maggiore. Per questo non vediamo l’ora di arrivare a traguardo e, seppur ancora con tante precauzioni, guardiamo con speranza e trepidazione al futuro».

«Siamo davvero entusiasti di poter ritornare a Verona dopo l’ultimo passaggio del 2017 – ha commentato Alberto Piantoni, Amministratore Delegato di 1000 Miglia Srl – e sono certo che i nostri partecipanti, pur se provati da oltre tre giorni di gara, avranno modo di apprezzare lo scenario unico di questa piazza e godere, ancora una volta, della bellezza che solo il nostro Paese può regalare. Nella speranza che i prossimi mesi possano davvero rappresentare la svolta definitiva verso la risoluzione di questa situazione senza precedenti, abbiamo deciso anche quest’anno di posticipare lo svolgimento della Corsa rispetto alle tradizionali date di metà maggio. Vogliamo continuare a regalare uno spettacolo emozionante ai nostri partecipanti e al pubblico che ci segue; il nostro obiettivo è quello di mantenere intatto lo spirito di avventura, scoperta e divertimento che contraddistingue la competizione operando in un contesto di massima attenzione alla tutela della salute e di assoluto rispetto delle regole imposte dal contesto sanitario globale. A tale scopo, già dallo scorso anno, abbiamo istituito un team dedicato e applicato un preciso protocollo al fine di garantire lo svolgimento dell’evento in piena sicurezza».  

Foto d’archivio.