Migranti, Sea Watch: «Non andremo in Libia»

salvini sea watch
Il leader della Lega e vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini durante un forum all'ANSA, Roma, 20 maggio 2019. ANSA / ETTORE FERRARI

«Tripoli non è porto sicuro, vergognoso che l’Italia promuova queste atrocità» dicono dalla nave.

«Tripoli non è un porto sicuro. Riportare coattivamente le persone soccorse in un Paese in guerra, farle imprigionare e torturare, è un crimine. È vergognoso che l’Italia promuova queste atrocità e che i governi Ue ne siano complici». Lo dice Sea Watch.

«Sea Watch non vuole portarli in Libia? Allora spieghi perché ha chiesto a Tripoli un porto sicuro. E perché, dopo la risposta positiva, ha atteso per ore davanti alla costa africana. Aveva il via libera allo sbarco, l’atteggiamento della Sea Watch sembra un vero e proprio sequestro di persona per motivi politici. Polemizza col Viminale sulla pelle degli immigrati». Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini, replicando alla ong tedesca.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.