Messi in sicurezza i ponti sul canale Camuzzoni

I lavori sono stati effettuati in contemporanea sul ponte di via San Marco e di via Albere, entrambi particolarmente ammalorati. Ora invece, entrambi i ponti tornano alla loro portata originaria, consentendo nuovamente il passaggio sia di autobus che di mezzi pesanti.

New call-to-action

Giornata di collaudo per i ponti cittadini sul canale Camuzzoni, quelli su via San Marco e via Albere, che quindi adesso sono in totale sicurezza. Si tratta delle verifiche d’obbligo conclusive, dopo l’articolato intervento di sistemazione avviato il 22 marzo sui due viadotti per riparare l’usura del tempo, dato che dalla costruzione mai erano stati fatti interventi di rinforzo. 

Una manutenzione straordinaria che non poteva più attendere, come certificato dalle ispezioni e dai rilievi tecnici effettuati dal Comune per verificare lo stato di salute dei ponti cittadini. I lavori sono stati effettuati in contemporanea sul ponte di via San Marco e di via Albere, entrambi particolarmente ammalorati. Tanto che nel 2019, in via cautelativa per garantire l’incolumità dei cittadini, il Comune aveva istituito una serie di provvedimenti viabilistici per limitare il transito di carichi pesanti su ciascuno dei due viadotti, su cui fino ad oggi era interdetto il transito di mezzi con massa complessiva a pieno carico superiore a 5 tonnellate. Ora invece, entrambi i ponti tornano alla loro portata originaria, consentendo nuovamente il passaggio sia di autobus che di mezzi pesanti. 

I lavori hanno avuto un costo complessivo di 200 mila euro, finanziati dal Comune di Verona e dal Consorzio di Bacino Imbrifero Montano dell’Adige, che ha messo a disposizione dell’Ente un contributo di 100 mila euro. Bene anche la tempistica, con i cantieri chiusi qualche giorno prima del previsto, consentendo il ritorno alla regolare viabilità in concomitanza con il week end pasquale. Nella giornata di oggi i due ponti sono stati nuovamente chiusi al traffico, seppur per poche ore giornalieri. D’altronde le verifiche statiche e le prove di collaudo necessitano di rigorose prescrizioni e misure di sicurezza per certificare l’esito positivo delle opere effettuate. 

Sul posto, questa mattina, si sono recati il sindaco Federico Sboarina e l’assessore alle Strade Marco Padovani. Presenti anche il presidente del Consorzio Canale Camuzzoni Renzo Panozzo

«Il nostro obiettivo è quello di mettere in sicurezza passaggi stradali importanti della città, oggi condizionati nella portata a causa dell’ammaloramento dei viadotti – ha detto il sindaco -. Dalla loro costruzione, mai erano stati fatti interventi di rinforzo, sono lavori che non si vedono ma che sono fondamentali. Tutelare la sicurezza dei cittadini è una priorità imprescindibile, per la quale stiamo investendo risorse economiche importanti. Si tratta di opere fondamentali delle quali tuttavia non sempre i cittadini hanno percezione, perché terminati i lavori i viadotti appaiono sempre gli stessi. Eppure, grazie a questi interventi, ne escono profondamente mutati a livello strutturale. Fino ad oggi sono stati ignorati, eppure sono proprio questi lavori che, nel corso del tempo, garantiranno la totale sicurezza e resistenza strutturale dei nostri ponti». 

«Il cantiere ha chiuso prima del previsto e ciò ci ha permesso di riaprire il ponte già per le festività pasquali – ha detto Padovani -. Questo era un cantiere necessario e non più prorogabile, grazie al quale abbiamo consolidato due ponti importanti su Canale Camuzzoni. La sicurezza dei cittadini è una priorità fondamentale per l’Amministrazione che, per prima, ha effettuato un’attività di ispezione su tutti i 160 ponti comunali. In quattro anni sono stati investiti circa 3 milioni di euro per diversi interventi di manutenzione».