Melegatti: sì all’esercizio provvisorio

È arrivata stamattina la comunicazione da parte dei giudici del tribunale di Verona che concede a Melegatti l’avvio dell’esercizio provvisorio con una decina di dipendenti. Entro fine mese pronto anche il bando per l’asta.

Melegatti può (per il momento) tirare un respiro di sollievo. Oggi il tribunale di Verona ha, infatti, dato il via libera per l’esercizio provvisorio dell’azienda dolciaria veronese per un periodo di sei mesi. La buona notizia è stata comunicata in mattinata dai giudici ai curatori Lorenzo Miollo e Bruno Piazzola (per Melegatti), Maurizio Matteuzzi e Michelangelo Accettura (per Nuova Marelli).

Ora per la ditta, che è stata dichiarata fallita il 29 maggio scorso, si aprirà un nuovo capitolo, di fatto fino al periodo natalizio, quando il lavoro si intensificherà sotto le feste. Una decina i dipendenti che faranno ritorno allo stabilimento di San Giovanni Lupatoto, mentre per gli altri è subentrata la possibilità della cassa integrazione straordinaria.

La prossima settimana si avvierà in Regione il tavolo per accelerare la procedura per l’esercizio provvisorio. Entro fine mese sarà poi avviato anche il bando per l’asta delle due aziende.