Massoneria: 27 arresti a Castelvetrano

Tra gli indagati anche due ex deputati regionali di Fratelli d’Italia e l’ex sindaco di Castelvetrano.

Operazione contro una loggia massonica segreta a Castelvetrano, il paese natale del boss latitante Matteo Messina Denaro. I carabinieri, coordinati dalla Procura, stanno eseguendo 27 arresti per reati contro la Pubblica Amministrazione, contro l’amministrazione della Giustizia nonché associazione a delinquere segreta. Altre dieci persone sono indagate a piede libero. L’operazione è stata chiamata in codice “Artemisia”.

Arrestati anche esponenti politici come l’ex deputato regionale di Fi Giovanni Lo Sciuto, l’ex sindaco di Castelvetrano Felice Errante e l’ex deputato regionale di Fi Francesco Cascio. L’obiettivo della loggia sarebbe stato quello di orientare le scelte del Comune, nomine e finanziamenti e anche di ottenere notizie riservate sulle indagini della magistratura. Scoperto anche un sistema di corruzione al comune di Castelvetrano e all’Inps di Trapani, con la concessione di assegni d’invalidità in cambio di voti. Tra i reati contestati, corruzione, concussione, peculato, truffa, violazione della legge Anselmi. (Ansa)