Massaggi con “lieto fine”, sequestrato centro estetico al Saval

La polizia ha posto sotto sequestro il locale di via da Levanto in zona Saval dove con una maggiorazione di qualche decina di euro i clienti potevano richiedere massaggi “più intimi”.

Annunci pubblicitari ambigui su internet. A novembre la polizia si è insospettita e ha fatto appostamenti per 2 mesi. Nel mirino un centro massaggi di via da Levanto, zona Saval. Per 20 -30 euro si poteva ricevere un massaggio “più intimo”. I clienti erano tanti, uomini dai 40 agli 80 anni e, innegabilmente, in molti sapevano del “lieto fine” hot.
A finire nei guai il proprietario, 47 anni, cinese che è stato denunciato a piede libero per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.
5 le ragazze che lavorano nel centro. 4 di nazionalità cinese e una nordafricana, tutte tra i 22 e i 25 anni. Stamattina il centro è stato sequestrato dalla polizia.

 

Guarda il servizio di Tg Verona Network: