In manette spacciatori: uno dovrà dare 200 euro in beneficenza

Arrestati due giovani di origine marocchina sottoposti a un controllo dei carabinieri sabato scorso. Ai due, accusati di spaccio e occupazione abusiva di edificio, è stato inflitto il divieto di dimora nella provincia di Verona. Uno dei giovani, pregiudicato, dovrà inoltre devolvere 200 euro a un ente benefico.

Spaccio e occupazione abusiva di edificio sono i reati contestati a due uomini di origine marocchina, di cui uno pregiudicato, arrestati sabato in località Villabella dai carabinieri di San Bonifacio. I due, 23 e 29 anni, irregolari in Italia, sono stati oggetto di un controllo da parte dei militari, che li stavano tenendo d’occhio da tempo.

Addosso ai giovani sono stati rinvenuti 35 grammi di hashish, 6 di marijuana ed 1 di cocaina suddivisi in dosi per lo spaccio. Sequestrati anche 915 euro in contanti, provento dell’attività di spaccio.

Il Giudice ha inflitto ad entrambi il divieto di dimora nella provincia di Verona. Inoltre, il giovane pregiudicato dovrà destinare 200 euro ad un ente benefico prima del 3 ottobre, data del processo.