Maltempo, incalcolabili i danni all’agricoltura

maltempo-neve

Gelo, neve e disagi al centro-sud. Questa la situazione che sta interessando da giorni una parte consistente d’Italia e che avrebbe già prodotto danni incalcolabili su colture, animali e aziende. L’allarme di Coldiretti: “Attenti alle speculazioni”

Mentre nel nord del Paese la neve non accenna a palesarsi, il centro-sud fa i conti con l’ondata di gelo. Molti i danni che, secondo la Coldiretti, avrebbero colpito l’agricoltura di mezzo Paese. Decine di migliaia di ettari di verdure pronte per la raccolta bruciate dal gelo, serre danneggiate o distrutte sotto il peso della neve, animali morti, dispersi e senz’acqua perché sono gelate le condutture, ma anche aziende e stalle isolate che non riescono a consegnare il latte quotidiano e le verdure. Condizioni meteo estreme che hanno costretto il Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina a dichiarare lo stato di calamità per le Regioni richiedenti.

Nel Centro Agroalimentare Roma – sottolinea la Coldiretti – si riscontrano “una disponibilità dei volumi ridotta del 40% rispetto ai quantitativi consueti e rincari nei prezzi all’ingrosso di certe referenze schizzati a picchi massimi del 50/60% in più, rispetto ai listini di inizio anno”. Dalla Puglia alla Basilicata, dalle Marche al Lazio, dall’Abruzzo al Molise, dalla Sicilia alla Calabria sono migliaia le aziende agricole che hanno perso le produzioni di ortaggi invernali prossimi alla raccolta, dai carciofi alle rape, dai cavolfiori alle cicorie, dai finocchi alle scarole, per effetto del gelo che ha bruciato le piantine ma anche gravi i danni si sono verificati sugli agrumeti così come per i vigneti di uva da tavola che hanno ceduto sotto il peso della neve. Tonnellate di latte sono state gettate per l’impossibilità di consegnarlo ma con il gelo sono in tilt le consegne alimentari anche di altri prodotti deperibili come frutta e verdura a causa delle difficoltà di circolazione nelle aree più colpite dalla neve e dall’abbassamento delle temperature con effetti che – conclude la Coldiretti – sono già visibili sugli scaffali dei supermercati dove ora occorre vigilare sulle speculazioni.

Qui le foto della nostra lettrice Serena Briganti direttamente da Maglie, in provincia di Lecce