Lunedì di controlli a San Bonifacio: due arresti e una denuncia

Controlli serrati dei carabinieri di San Bonifacio sul territorio nella giornata di ieri, fin dalle prime ore del mattino.

Carabinieri San Bonifacio
Carabinieri a San Bonifacio

Due arresti, una denuncia ed una persona segnalata alla Prefettura per uso di sostanze stupefacenti. È il bilancio dei controlli serrati in centro, messi in atto dalla Compagnia Carabinieri di San Bonifacio lunedì 5 febbraio a partire dalle prime ore del mattino.

Nel dettaglio, i militari hanno arrestato un cittadino marocchino, 23enne, già gravato dalla misura cautelare dell’obbligo di dimora in un comune nella provincia di Varese e colpito ora da una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’Autorità Giudiziaria di Milano, perché rintracciato la scorsa settimana a San Bonifacio, dove aveva allestito a giaciglio di fortuna una stanza in un edificio in stato di abbandono.

LEGGI ANCHE: Due incidenti stradali con vittime motociclisti a Verona in poche ore

Un secondo cittadino di origini magrebine è stato invece rintracciato e sottoposto alla misura cautelare della detenzione domiciliare al suo domicilio di Belfiore, in esecuzione di un provvedimento emesso dai Magistrati di Bolzano. Il 31enne, dovrà scontare una pena detentiva residua di 6 mesi perché responsabile del reato di resistenza a Pubblico Ufficiale, per un fatto avvenuto in Alto Adige.

Carabinieri a San Bonifacio
Carabinieri a San Bonifacio

Nell’ambito del servizio straordinario di controllo del territorio, che ha visto impiegate pattuglie del Nucleo Operativo e Radiomobile e della Stazione locale, gli uomini in divisa hanno anche denunciato un uomo, residente a Cazzano di Tramigna, fermato a bordo della sua autovettura in evidente stato di alterazione da alcol, che si è rifiutato di sottoporsi ad accertamento del tasso alcolemico, mentre un altro giovane del posto è stato trovato in possesso di modica quantità di sostanza stupefacente e quindi segnalato alla Prefettura, per uso di stupefacenti per uso personale; in entrambi i casi l’autovettura dei due utenti della strada è stata sequestrata ed affidata a una ditta convenzionata del posto.

I controlli sono stati estesi alla stazione ferroviaria, degli autobus e ad alcuni immobili in stato di abbandono ubicati a San Bonifacio e nelle zone adiacenti, e rivolti in particolare al contrasto del fenomeno dell’immigrazione clandestina.

LEGGI ANCHE: In videochiamata col 118: innovazioni del Suem per le emergenze