Luminarie di Natale, Confommercio: «Equilibrio tra risparmio e attrattività»

Confcommercio Verona ha aperto un tavolo di confronto con il Comune di Verona in merito alle luminarie natalizie: «Va scongiurato il rischio che gli effetti negativi di un'austerity spinta superino i benefici», spiega il presidente Paolo Arena.

luminarie Verona Natale Corso porta borsari

Luminarie di Natale, Confommercio: «Equilibrio tra risparmio e attrattività»

Contemperare le esigenze di sobrietà e risparmio richiesti dalla difficile situazione economica attuale con la necessità di dare continuità all’attrattività del territorio veronese, in cui la componente turistica è fondamentale per le aziende del terziario e per l’indotto: Confcommercio Verona sta portando avanti un dialogo serrato con l’amministrazione di Palazzo Barbieri e degli altri Comuni della provincia per confrontarsi e trovare le soluzioni migliori in vista del periodo autunno-invernale e del Natale, tenendo conto che gli sforzi per la destagionalizzazione in questi anni hanno reso la provincia scaligera tra le più “gettonate” dai turisti italiani e non solo.

«L’attuale contesto caratterizzato da costi energetici e inflazione alle stelle, consumi stagnanti, stretta creditizia, porta con sé tante priorità, con la necessità di definire misure che possano risultare di sostegno alle famiglie e alle imprese – sottolinea il presidente di Confcommercio Verona Paolo Arena -. Se da un lato l’orientamento verso una stagione invernale e delle festività sobrie, tesa al contenimento dei costi e propensa a una seria valutazione sulle luminarie e sui Mercatini di Natale è sicuramente condivisibile – commenta Arena – dall’altro va tenuto presente il profilo turistico di Verona capoluogo e della provincia più in generale, che è quarta in Italia per presenze straniere e quinta a livello assoluto: un territorio capace, negli ultimi anni, di esprimere grandi numeri con un indotto importante e significativi riflessi economici ed occupazionali».

LEGGI LE ULTIME NEWS

«È significativo il fatto che la provincia, in questi mesi, sia riuscita a tornare ai livelli pre-Covid in termini di arrivi e presenze, con alcune punte di eccellenza capaci di esprimere numeri perfino superiori a quelli del 2019, come evidenziano i dati validi fino ad agosto di quest’anno. Questo grazie al gioco di squadra tra imprese e amministrazioni, alla caparbietà degli imprenditori e grazie a progetti quali Riparti Verona, Ri.Ver. della Camera di Commercio che hanno dato una spinta sostanziale alla destagionalizzazione», conclude Arena.

«Nelle interlocuzioni con le amministrazioni comunali veronesi, in primis quella del capoluogo – evidenzia il direttore generale di Confcommercio Verona Nicola Dal Dosso – stiamo condividendo la necessità di portare avanti quella che potremmo definire una sobrietà intelligente che garantisca continuità. Tutti sappiamo i numeri che porta il periodo natalizio, tutti sappiamo quanto sia importante il mese di dicembre per commercio, turismo e in generale per il terziario di mercato, in grave difficoltà. L’intento è di salvaguardare tutti gli aspetti strategici attraverso scelte equilibrate, condivise nel rispetto dei ruoli».

«Stiamo giocando una partita decisiva per il futuro di molte aziende – interviene il presidente di Federalberghi-Confcommercio Verona Giulio Cavara -. Il boom dei costi energetici rischia infatti di far tornare indietro l’orologio dell’ospitalità veronese con la chiusura stagionale di molti alberghi per contenere i costi: anche di questo va tenuto conto».

«Far passare l’immagine di una città e di una provincia spente, con pochi eventi e momenti di richiamo – aggiunge il presidente provinciale e regionale degli esercenti Fipe, Paolo Artelio – avrebbe ripercussioni non solo nel breve ma anche nel medio lungo periodo, a tutto vantaggio di mete che decideranno comunque di puntare sull’appeal in questa difficile fase».

«Va scongiurato il rischio, paradossale ma concreto, che gli effetti negativi di un’austerity spinta superino i benefici. Per questo diciamo no a boutade demagogiche – conclude Arena – sì a un confronto costruttivo come quello su cui siamo impegnati fin dalla prima ora concentrando l’attenzione e l’impegno sulle strategie legate all’economia veronese con una sensibilità aggiuntiva sulle priorità sociali ed economiche imposte da questa fase storica di straordinaria difficoltà».

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI
PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM