Luca De Biase parla del lavoro (del futuro) in Feltrinelli

Nella grande trasformazione tecnologica ed economica di questi anni, sul lavoro di domani si addensa una nebbia che occorre diradare. Luca De Biase approfondisce un’inchiesta sviluppata per “Il Sole 24 Ore”: case studies, riflessioni e proposte per uno dei temi più caldi della nostra società. In Feltrinelli lunedì presenta il suo “Il lavoro del Futuro” alle 18. Dialoga con l’autore il giornalista de L’Arena Maurizio Battista.

Il lavoro come identità sociale, fatica, percorso obbligato per realizzare le aspirazioni personali, famigliari e comunitarie. Il lavoro come espressione di sé e principale porta di accesso all’indipendenza economica. Il lavoro come punto di incontro più problematico tra la speranza e la paura del futuro. Nella grande trasformazione tecnologica ed economica di questi anni, sul lavoro del futuro si addensa in effetti una nebbia che occorre diradare. Verso quali studi conviene indirizzare i ragazzi? Come ci si aggiorna per mantenere vive le proprie opportunità professionali? Come ci si difende dalle ingiustizie? Come si fa valere il merito e l’integrità? Quali politiche si possono chiedere a governanti che vogliano risolvere i problemi? L’incertezza in materia è paralizzante, e il desiderio di risposte è pari all’urgenza delle domande esistenziali. «Il lavoro del futuro» rilancia e approfondisce il risultato di un’inchiesta sviluppata per «Il Sole 24 Ore»: un centinaio di interviste e alcune migliaia di chilometri per una manciata di risposte.

La copertina del libro

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.