L’impiegata di una banca di Nogara ha truffato i clienti

Devono essere risarciti i correntisti della filiale di banca Monte Paschi, vittime, loro malgrado, di un’ex impiegata, che ha fatto sparire oltre un milione di euro dei loro risparmi. Lo caldeggia con forza Davide Cecchinato, presidente di Adiconsum Verona, che in una nota si schiera a fianco dei risparmiatori traditi.

«Ancora un caso di risparmio tradito. La notizia della ex dipendente infedele della filiale Monte dei Paschi di Siena di Nogara che avrebbe utilizzato i depositi dei clienti per fini privati è grave. In questi casi se l’operazione è avvenuta, come pare di capire, all’interno dell’istituto bancario sussiste una responsabilità oggettiva della banca che deve risarcire i clienti in tempi celeri e senza ulteriori disagi per i consumatori». Commenta così Davide Cecchinato, presidente di Adiconsum Verona, la faccenda accorsa ai danni di alcuni clienti della filiale Mps di Nogara. Aggiunge Cecchinato: «Ci auguriamo in tal senso che il Monte Paschi abbia già attivato tutte le procedure necessarie per ristorare i malcapitati. Se così non fosse consigliamo tutti gli interessati di presentare reclamo alla Banca. Adiconsum Verona è a fianco dei clienti danneggiati e si rende disponibile ad assisterli per una celere definizione della vicenda che compendi il ristoro totale di quanto sottratto. Certo è difficile fare paragoni poiché le informazioni al riguardo del caso di Nogara sono ancora frammentarie ma la vicenda nogarese pare simile, almeno nelle modalità, a quello che qualche anno fa è capitato a San Giovanni Lupatoto che ha visto Adiconsum Verona in prima linea nella difesa dei consumatori con definizione positiva della vicenda. Certo è che la nostra provincia ultimamente è battuta da avversità che coinvolgono gli ignari risparmiatori a riprova del fatto che quando si tratta di investire i nostri risparmi dobbiamo sempre essere molto accorti e elevare la nostra cultura finanziaria per evitare di finire in trappole come queste».