Lezione sul bullismo alla scuola primaria di Lugagnano

La classe 5B della Scuola primaria di Lugagnano Silvio Pellico ha seguito nei giorni scorsi una videolezione con il Capitano dei Carabinieri Ottavia Mossenta sul senso civico e sul bullismo.

Com. Ottavia Mossenta
Il Capitano dei Carabinieri Ottavia Mossetta durante la lezione con gli alunni della 5B della Scuola Primaria di Lugagnano

«Comandante, se sono bullizzato come posso uscirne?». A porre la domanda al Capitano dei Carabinieri Ottavia Mossenta, è il piccolo Riccardo (nome di fantasia) che, insieme ai suoi compagni della 5B della Scuola primaria di Lugagnano Silvio Pellico, ha seguito nei giorni scorsi, tra i banchi di scuola, una lezione molto speciale sul senso civico.  

Leggi anche: Cyberbullismo, Donazzan:«L’educazione è l’unica arma»

Rigorosamente a distanza, gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Lugagnano hanno interagito in video, per  circa due ore, con il Comandante donna della Compagnia di Villafranca sulla prevenzione al bullismo e cyberbullismo, sui comportamenti scorretti e reati minorili, sui rischi connessi all’uso del cellulare e di internet.  

La classe 5B della Scuola Primaria Silvio Pellico di Lugagnano
La classe 5B della Scuola Primaria Silvio Pellico di Lugagnano

L’aula di informatica della scuola, attrezzata per l’occasione dall’animatore digitale Prof. Matteo Dosso, si è  trasformata per un giorno in una vera palestra di vita. Gli undicenni della 5B hanno appreso così che c’è  sempre una soluzione per prevenire il crimine: “parlare”, non solo per chiedere aiuto per sé ma soprattutto per aiutare il prossimo, vittima di violenza.  

Il progetto, nato dalla volontà del Comando Generale dei Carabinieri di Roma e del Ministero di Istruzione di diffondere tra i giovanissimi la cultura della legalità, ha coinvolto una quindicina di scuole della provincia  di Verona. Dopo Villafranca, Castel d’Azzano, Sommacampagna, la tappa al comprensivo di Lugagnano, programmato inizialmente per avere una durata di un’ora, è stato un crescendo di domande e curiosità che  hanno visto gli studenti della scuola Silvio Pellico, coinvolti in prima persona con esempi concreti di vita  quotidiana.  

LEGGI LE ULTIME NEWS

Le insegnanti della classe Sabrina Albertini e Marta Bommartini, coordinatrici del progetto insieme al Lgt. Eddy Boscarato, a capo del Comando di Sommacampagna sotto cui ricade Sona, si dicono soddisfatte  dell’incontro, ritenendolo un’opportunità unica per la crescita e la formazione civica delle giovani leve,  affinché la cultura dell’empatia prevalga sull’indifferenza.  

Il Capitano Mossenta, presente nello stesso edificio scolastico ma collegata da un PC della dirigenza, nel congedarsi dalle “piccole reclute” ha ribadito agli adolescenti presenti l’importanza del dialogo. «Ogni  qualvolta vivete o assistete a una situazione di sopruso, disuguaglianza o esclusione – ha raccomandato –  dovete sempre parlare con gli adulti: genitori, fratelli maggiori, insegnanti o allenatori».

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM