L’età? Non è uguale per tutti

Lunedì 25 giugno in centro città alla Feltrinelli Libri e Musica e martedì 26 nel cuore della Valpolicella a Villa Quaranta, l’autrice del bestseller per restare giovani incontra i veronesi nell’ambito di due eventi organizzati dall’associazione La Cura Sono Io. Al via un sodalizio con il Wine Hotel & SPA per la vendita solidale dei Cappelli di Terry.

Vivere più a lungo e meglio è un obiettivo oggi raggiungibile. Lo spiega in modo chiaro e avvincente la giornalista e scrittrice Eliana Liotta nel nuovo bestseller “L’età non è uguale per tutti” per La Nave di Teseo, avvalendosi del contributo innovativo di medici e ricercatori dell’ospedale universitario Humanitas di Milano. Una guida scientifica e pratica, ricca di indicazioni e di consigli utili, che sarà presentata per la prima volta a Verona lunedì 25 giugno alle 18 alla Feltrinelli Libri e Musica in via Quattro Spade 2 e martedì 26 giugno alle 18.30 in Valpolicella a Villa Quaranta in via Ospedaletto 57 a Pescantina su iniziativa dell’associazione culturale La Cura Sono Io. Dialogherà con l’Autrice la presidente de La Cura Sono Io Maria Teresa Ferrari. Sandra Ceriani leggerà alcuni brani di particolare interesse. L’ingresso è libero.

Martedì 26 giugno alle 18.30 Eliana Liotta, giornalista e autrice del nuovo bestseller “L’età non è uguale per tutti” (La Nave di Teseo), sarà protagonista di un incontro a ingresso libero promosso dall’associazione culturale La Cura Sono Io in collaborazione con Villa Quaranta Wine Hotel & SPA nel cuore della Valpolicella. Nella corticella storica della villa seicentesca dell’hotel a 4 stelle con centro benessere termale, la scrittrice dialogherà con Maria Teresa Ferrari, presidente de La Cura Sono Io, che proprio in questa sede, tra piscine termali con cromoterapia e diverse aree idromassaggio e palestra fitness, ha intrapreso il suo percorso di cura e rigenerazione post-tumore. Parteciperà anche Elisabetta La Marchina, direttrice sanitaria e fisiatra presso Spa Clinic Centro Medico di Terme della Valpolicella. Seguiranno letture a cura di Sandra Ceriani. Concluderà un brindisi con vini Tommasi Family Estates. La partecipazione è libera previa comunicazione a segreteria@lacurasonoio.it. Per chi lo desidera, prenotando entro il 23 giugno (tel. 045.6767300), è possibile partecipare alla cena con Eliana Liotta al Ristorante Borgo Antico di Villa Quaranta alle 21 (costo: 35 Euro a persona per 3 portate e vini inclusi).

Il libro, uscito a metà maggio e già alla sua terza edizione, spiega in un linguaggio narrativo come invertire il processo di invecchiamento; nella seconda parte, attraverso le illustrazioni di Jessica Lagatta, mostra come applicare nella quotidianità i risultati delle ricerche per spegnere gli stati infiammatori attraverso un ventaglio di azioni che indirizzano a vivere meglio. Al saggio hanno collaborato i numeri uno di neuroscienze, cardiologia, gastroenterologia, nutrizione, fisioterapia, dermatologia, reumatologia, chirurgia plastica, insieme ad Alberto Mantovani, il direttore scientifico di Humanitas, lo scienziato italiano più citato nella letteratura internazionale.

“Gli scienziati prescrivono tre pillole antinfiammatorie: cibo sano, movimento e controlli”, anticipa Eliana Liotta. “Ma si dovrebbero raccomandare anche pillole d’amore e di curiosità. Perché lo stress cronico infiamma e la gioia e la voglia di imparare, sempre, sono un antidoto”.

Soddisfatta Maria Teresa Ferrari per un evento che per lei ha un significato speciale: “Oltre alla Feltrinelli il 25 giugno, abbiamo scelto come location fuori città Villa Quaranta perché in un momento tanto difficile della mia vita, due anni fa, proprio questo centro con area termale e benessere, dove scienza e bellezza si fondono per restituirti l’armonia, mi ha consentito di prendermi cura di me, sposando bellezza e rigenerazione psicofisica” conclude Maria Teresa Ferrari. Una sinergia che si è concretizzata in una partnership solidale: Villa Quaranta Wine Hotel & SPA allestirà un corner per la vendita dei Cappelli di Terry, copricapi anallergici e con uno stile glamour adatti a tutte le donne, anche a quelle in chemioterapia o con alopecia.

L’evento, promosso dall’associazione La Cura Sono Io in collaborazione con Feltrinelli Libri e Musica e Villa Quaranta Wine Hotel & SPA, gode del patrocinio di AMMI (Associazione Mogli dei Medici Italiani), dell’associazione nazionale Le Donne del Marmo e del Club delle Accanite Lettrici e Accaniti Lettori.


Eliana Liotta, autrice del saggio L’età non è uguale per tutti, giornalista, scrittrice e comunicatrice scientifica, ha esordito in libreria nel 2016 con La Dieta Smartfood, un best seller internazionale basato sui principi della dieta mediterranea e sugli studi di nutrigenomica. Nel 2017 ha firmato con il chirurgo senologo Paolo Veronesi il saggio Il bene delle donne, che è insieme un racconto dell’universo femminile e una guida scientifica alla salute. Eliana Liotta tiene su Io donna, il settimanale del Corriere della Sera, il blog «Il bene che mi voglio», per cui ha vinto il Premiolino, il più antico premio giornalistico italiano. In Rcs è stata per sette anni direttore del mensile, del sito e della collana di libri OK Salute. Pianista, è stata nominata dal Comune di Milano vicepresidente del teatro Arcimboldi e consigliere di amministrazione del teatro Dal Verme (Fondazione I Pomeriggi Musicali). È ambasciatrice del Certamen Ciceronianum di Arpino.

L’associazione “La Cura Sono Io” è nata nel 2017 per iniziativa della sua presidente, Maria Teresa Ferrari, scrittrice e curatrice di eventi d’arte e di cultura, che a 50 anni ha dovuto affrontare un carcinoma mammario e terapie oncologiche. Di pari passo con la sua rinascita, il desiderio di “progettare bellezza, nonostante” con tutte le donne, alimentando una community su Facebook: un impegno che le è valso il Premio Victoria 2017 con Maria Grazia Cucinotta, promosso da Procter & Gamble con la “27esima ora” del Corriere della Sera. Per ritrovare il proprio benessere e risvegliare e sostenere l’amore della persona per se stessa e la propria vita, l’associazione promuove progetti che dall’ambito oncologico si estendono alle arti in genere, anche grazie al sostegno della Fondazione Cattolica, che sono stati presentati a gennaio alla Camera dei Deputati a Roma. Primo tra tutti, “I sogni di Terry”, che comprende la collezione di cappelli e copricapi estrosi e anallergici Cappelli ad Arte, portatori di messaggi positivi, pensati in particolare per chi vive la nudità improvvisa della sua testa, causata dalla chemioterapia o da altre patologie. #Copripensieri che aiutano e promuovono la ricerca contro il cancro. “Le parole che ci salvano”, rassegna di incontri da gennaio a marzo con esponenti dal mondo della cultura e delle scienze, tratta un tema complesso e vitale quale l’uso delle parole nei momenti più dolorosi. “Il Cuore in testa”, il progetto partito da Verona a ottobre che ha fatto tappa a Milano il 6 e 7 febbraio a Palazzo Marino, promosso in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche sociali, Salute e Diritti di Milano, legato alla diffusione della prevenzione del tumore al seno, che ha previsto una mostra di ritratti di donne e il convegno: “”Tumore al seno: dalla cultura della prevenzione alla cura estetica ed interiore per migliorare la qualità della vita”. La terza tappa de “Il Cuore in testa” si è svolta sabato 19 maggio a Roma al Circo Massimo in occasione della 19ma edizione di “Race for the cure” promosso sa Susan G. Komen Italia per la lotta ai tumori del seno.