Lavoro nero in una scuola di vela a Malcesine, sanzioni per 56mila euro

Dopo il controllo dei Carabinieri, sette istruttori ed assistenti sono stati trovati privi di contratti di lavoro. Oltre alla multa anche la sospensione dell'attività imprenditoriale.

Carabinieri di Malcesine

Nell’ambito dei consueti controlli finalizzati a garantire un’azione combinata di tranquillità e sicurezza per gli amanti del Lago di Garda, le forze dell’ordine hanno condotto un’operazione che ha svelato preoccupanti violazioni all’interno di una nota scuola vela di Malcesine.

Mercoledì mattina, i Carabinieri della Motovedetta CC 605 di Torri del Benaco hanno collaborato con il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Verona per eseguire un controllo presso la suddetta scuola vela. Ciò che hanno scoperto ha sollevato gravi preoccupazioni riguardo al rispetto delle leggi sul lavoro e alla sicurezza dei partecipanti.

Sette istruttori ed assistenti sono stati trovati privi di contratti di lavoro validi con la società che gestisce il club nautico. Questa mancanza di contratti non solo ha messo i dipendenti in una posizione di vulnerabilità, ma ha anche innescato una serie di irregolarità in materia di lavoro subordinato, che ha portato i Carabinieri ad agire con decisione.

Come conseguenza diretta di questa scoperta, sono state emesse sanzioni amministrative per un ammontare complessivo di oltre 56.000 euro in relazione alle pratiche di “lavoro nero”. Questa sanzione è stata accompagnata dalla sospensione dell’attività imprenditoriale della scuola vela. Inoltre, ulteriori violazioni relative alla prevenzione degli infortuni sul lavoro sono state rilevate, portando a ulteriori sanzioni pecuniarie.