Lago di Garda e mobilità: domani un convegno a Peschiera

Il convegno, in programma domani al Centro civico Gandini alle 19.30, mira ad approfondire le problematiche alla viabilità sulla strada regionale 450 e nei caselli autostradali di Affi e Peschiera del Garda, e a ribadire la necessità del nuovo casello autostradale di Castelnuovo del Garda.

Casello di Peschiera del Garda
Il casello di Peschiera del Garda

Le problematiche alla viabilità sulla strada regionale 450 e nei caselli autostradali di Affi e Peschiera del Garda, e la necessità del nuovo casello autostradale di Castelnuovo del Garda. Se ne parlerà domani sera, 3 novembre, alle ore 19.30, al Centro civico Gandini di Peschiera del Garda, nel convegno “Lago di Garda: territorio e mobilità. Criticità e prospettive future”, promosso dal consigliere regionale Alberto Bozza (Forza Italia).

Con Bozza, interverranno i sindaci di Peschiera del Garda Orietta Gaiulli e di Affi Marco Sega, l’On. Flavio Tosi, parlamentare di Forza Italia e Vicepresidente della commissione Trasporti e Infrastrutture alla Camera dei Deputati, e il direttore esercizio autostradale di A4 Alberto Brentegani. Il convegno darà voce anche agli autotrasportatori con i rappresentanti di Apindustria Verona, Fai Verona e Upav.  

LEGGI LE ULTIME NEWS

Bozza, nel presentare il convegno, ha sottolineato che «l’obiettivo è costituire un tavolo di confronto tra le parti, che magari oggi su determinati aspetti sono in qualche modo distanti, ma che possono e devono trovare soluzioni condivise per superare i problemi della viabilità sul territorio del lago di Garda».

«Discuteremo – dice Bozza – i progetti già oggi in essere, da quello per riqualificare la viabilità fuori dal casello di Affi a quello del nuovo casello autostradale di Castelnuovo. Progetti che devono essere dichiarati di interesse regionale, provinciale e nazionale per essere finanziati. In attesa di queste opere, se da un lato va riconosciuto il diritto delle aziende dei trasporti di utilizzare queste arterie per le loro attività economiche presenti sul territorio, a beneficio anche di tanti settori economici e imprese di Verona e provincia, dall’altro occorre anche evitare il traffico di attraversamento dei mezzi pesanti (diretti fuori dal territorio) per bypassare l’autostrada. Vanno però trovate soluzioni di buon senso ed equilibrio». 

LEGGI ANCHE: Installato a Verona un sistema di irrigazione degli alberi con sacchi di acqua

Gaiulli, sindaca di Peschiera, spiega che «il convegno sarà un momento importante di confronto e per questo ringrazio il consigliere regionale Alberto Bozza per aver convocato tutte le parti in causa -. Riguardo la Sr 450, ricorda Gaiulli – ad agosto abbiamo ottenuto per necessità la sospensione del transito dei mezzi pesanti, un provvedimento che da sindaca di Peschiera auspicherei venga sostenuto anche nella prossima stagione estiva, in attesa della realizzazione del casello di Castelnuovo del Garda che pare sarà pronto nel 2026 e di altre soluzioni viabilistiche. Se questo significherà per Peschiera un miglioramento significativo in termini di traffico, dobbiamo essere consapevoli che rimarrà critica la situazione al casello di Affi. C’è da prendere coscienza di questa problematica».

Proprio il sindaco di Affi Sega spiega poi l’idea che il suo Comune ha per migliorare la viabilità al casello di Affi: «In seguito a uno studio dei flussi abbiamo capito come l’unica soluzione possibile sia quella di creare una bretella che divida il traffico autostradale da quello provinciale, cittadino. Non si tratta di un progetto definitivo, perché la Brennero lo deve ancora validare, ma il Comune è intenzionato a portarlo avanti perché ad oggi pare il solo modo per risolvere il problema del traffico che ci affligge ormai da tempo. Sono molto contento della possibilità offerta da questo convegno perché saranno presenti tutte le parti in causa, associazioni di categoria comprese. Credo sarà un fondamentale momento di confronto».

Sindaci Affi Peschiera Prefetto
I sindaci di Affi e Peschiera del Garda, Marco Sega e Orietta Gaiulli