L’affetto per l’Europa non si inventa, si alimenta

Un riflessione condivisa in streaming tra quattro città: Verona, Latina, Salonicco e Atene. Uno il tema affrontato oggi nel seminario interattivo all’Educandato agli Angeli: ovviamente, l’Europa.

Quattro città coinvolte, un seminario interattivo tenuto su internet e un obiettivo preciso. Aprire un confronto critico e multidisciplinare sull’Europa che sia volano di azioni concrete per sensibilizzare i cittadini sul tema spesso scansato dell’identità europea. Si è tenuta oggi la conferenza “ContaminAzioni per l’Europa”nel teatro dell’Educandato agli Angeli.

120 gli studenti di scuole veronesi come l’Istituto tecnico Marco Polo, il Liceo Scipione Maffei e lo stesso Agli Angeli. Ma a questa riflessione condivisa in streaming con altre tre città (Latina Atene e Salonicco) hanno partecipato anche professori universitari, addetti ai lavori o semplici appassionati. Al centro di tutto la contaminazione ovvero quel mutamento che avviene grazie al contatto con l’altro. Il merito dell’ideazione va a Glocal Factory, realtà esperta in formazione ed euro progettazione e all’ente di ricerca Alteritas, impegnato nello studio di forme di contatto tra culture e popoli diversi. Una pluralità di voci e associazioni ha permesso poi la realizzazione dell’ evento.

La costruzione di un futuro comune parte dalla collaborazione di cui è stata esempio anche la modalità innovativa con cui è stata condotta l’iniziativa. Dopo una mattinata di forte impatto che ha ripercorso le ragioni storiche e filosofiche, veri indimenticati mattoni dell’Europa, il pomeriggio è stato dedicato a cinque workshop. A Verona il compito di affrontare il tema delle seconde generazioni in quell’Europa del diritto e dei diritti. In contemporanea ad Atene ci si è interrogati sulle migrazioni tra realtà e bisogni. A Latina, invece, il tema era “Cibo: strumento di contaminazione culturale”, mentre per Salonicco al centro del workshop la diversità e la contaminazione nei luoghi dell’emarginazione, come il carcere. I risultati dei lavori hanno poi trovato spazio di confronto nella piattaforma digitale. E sono stati la prova che un dialogo in miniatura sull’Europa di oggi è determinante per quella di domani.

 

GUARDA IL SERVIZIO DI TG VERONA NETWORK: