La signora Zore festeggia 100 anni tra ricordi e manifesti

La signora Zore, moglie del creativo veronese Tolmino Ruzzenente, ha compiuto ieri 100 anni. A farle gli auguri, il sindaco Tommasi, al quale ha regalato una copia del celebre manifesto areniano.

SINDACO_CON_ZORE_100_ANNI
New call-to-action

Dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna. Lo conferma la signora Zore, da ieri centenaria, che a fianco del marito ha nel suo piccolo contribuito a diffondere nel mondo il mito della lirica in Arena.

Nata Ronci ma sposata Ruzzenente, Zore è stata la moglie di Tolmino, il creativo veronese che progettò il primo manifesto della stagione areniana. Era il 1947. L’Arena vista dall’alto con le gradinate gremite di gente, la scenografia dell’Opera sul palcoscenico e un pentagramma a sostenere la struttura dell’anfiteatro ha fatto il giro del mondo. Per mezzo secolo il manifesto firmato Ruzzenente è stato il simbolo del festival lirico, fino alla fine degli anni Novanta, quando le fotografie hanno preso il posto dei manifesti.

Vere e proprie opere d’arte, che quest’anno in occasione del centesimo del Festival lirico sono state messe in mostra in un’esposizione ad hoc, Arena di Carta, ancora visibile fino al 10 settembre.

Anche grazie a quel manifesto, i coniugi Ruzzenente hanno viaggiato il mondo. Il loro è stato un grande amore, iniziato con un rapporto epistolare durante la seconda Guerra mondiale. Zore abitava a Rimini, e proprio lì Tolmino è arrivato in treno per conoscere la sua amica di penna, diventata poi moglie e madre dei suoi tre figli, e 19 tra nipoti e pronipoti. Oggi a fare gli auguri alla signora Zore è andato anche il sindaco Damiano Tommasi, al quale la famiglia Ruzzente ha voluto regalare una copia del celebre manifesto areniano firmato dall’artista Tolmino.