La marcia per il clima parte dai giovani

A sign reads, "There Is No Planet B", as parents carry children among thousands marching through central Oslo, Norway, to support action on global climate change, September 21, 2014. According to organizers of "The People's Climate March", the Oslo demonstration was one of 2,808 solidarity events in 166 countries, which they claim was "the largest climate march in history".

Venerdì in tutto il mondo, e anche a Verona, c’è lo Sciopero per il clima. Alle 10 partirà la marcia da Palazzo Barbieri, poi alle 12 ci sarà un confronto con gli esperti

Muoversi in bicicletta anzichè con la macchina, ridurre a zero l’utilizzo delle bottiglie in plastica, poi gettare in mozziconi negli appositi cestini e non per terra, e via dicendo. Tutte buone abitudini che ci porteranno a vivere meglio, e a far vivere meglio il pianeta, e che saranno ribadite venerdì, allo Sciopero mondiale per il clima. Anche Verona aderisce, e lo fa a partire dagli studenti, che hanno organizzato prima una marcia, a partire dalle 9 in Piazza Bra, e poi un momento informativo con esperti, che parleranno tra le altre cose delle monocolture e dell’utilizzo dei pesticidi, alle 12.

Ma il movimento FridayForFuture Verona non intende solo protestare. Con il comune, infatti, è stato avviato un dialogo.

 

Proprio ieri sul tema è intervenuto il Presidente della Repubblica Mattarella: “siamo sull’orlo di una crisi climatica e per scongiurarla occorrono misure concordate”.

Secondo Coldiretti, per dare un’idea della situazione, il 2018 è stato l’anno più caldo di sempre, in Europa, con temperature superiori di 1,8 gradi rispetto alla media.