La Lessinia piange il suo Maestro

Una vita colma di attività per la Lessinia, una forte passione per la comunità e la lingua cimbra: Aulo Crisma, il maestro di tante generazioni di bambini del territorio, si è spento all'età di 93 anni. Ad omaggiarlo è Antonia Stringher, studiosa di cimbro e sua studentessa.

Antonia Stringher e Aulo Crisma. Dalla pagina Facebook di Antonia Stringher

Ci ha lasciato, all’età di 93 anni, Aulo Crisma, conosciuto come “El Maestro”, faro culturale per più generazioni. Arrivò a Giazza nel 1947 proveniente da Trieste, passando così, dall’azzurro mare d’Istria, al più sperduto paese della Lessinia. Insegnò nella locale scuola elementare e dedicò parte della sua vita ad attività in favore della popolazione. Nel 1951 sposò la collega di Giazza Maria Dal Bosco, con la quale ebbe due figli. Nel 1957 si trasferì a Selva, proseguendo la professione di maestro per oltre trent’anni.

Leggi anche: Al Teatro Orlandi Anderloni e De Marzi cantano la Lessinia

Grandissima l’attività culturale che “El Maestro” mise in piedi sul territorio: un centro di lettura, gite culturali, cineforum, corsi di scuola media per adulti, la fondazione del giornalino “Roasan ‘un pergan” e “Sanselgia”. Nel 1961 mise in piedi una filodrammatica per i ragazzi del paese; fu inoltre direttore del Patronato Scolastico e attiva servizi di refezione, doposcuola, servizio trasporto e libri gratuiti per i meno abbienti. Fu addirittura giudice conciliatore e corrispondente del giornale “L’Arena”. Si dedicò con passione alla cultura cimbra, grazie anche alle collaborazioni con l’associazione Curatorium Cimbricum Veronense e la stesura di articoli per la rivista “Tzimbar” e numerose pubblicazioni dedicate.

La studiosa di lingua cimbra Antonia Stringher lo omaggia con un toccante post su Facebook.