La Commissione Pari Opportunità di Verona incontra la Presidente del Senato Casellati

Mercoledì 20 febbraio la Commissione Pari Opportunità della provincia di Verona, presieduta da Silvia Zenati, è stata ricevuta in visita istituzionale dalla Presidenza del Senato. La Presidente e le Consigliere della Commissione hanno potuto illustrare alla Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, le attività svolte nel corso del loro mandato, portando in omaggio delle produzioni letterarie locali e una riproduzione delle formelle di San Zeno, tra i più noti ed apprezzati simboli della città di Verona.

Nel corso dell’incontro la Commissione ha fatto appello alla seconda carica dello Stato affinché il cammino di promozione della cultura di parità, la prevenzione e la condanna della violenza sulle donne, della discriminazione razziale, del bullismo, del gender gap lavorativo e salariale, della discriminazione della disabilità, restino fermamente al centro dell’agenda politica delle istituzioni più elevate della Repubblica.

“La Presidente Senatrice Alberti Casellati” – riferisce l’avvocato Zenati – “ha apprezzato l’operato della nostra Commissione nel territorio veronese, sia per le tematiche affrontate – che hanno spaziato dalla tutela degli orfani di femminicidio, al reinserimento lavorativo di donne in condizioni di fragilità, alla medicina di genere – sia per l’attività di promozione e di coordinamento sinergico tra le commissioni pari opportunità dei vari Comuni e la commissione provinciale. I tanti temi affrontati sono stati occasione di un significativo confronto con la Presidente, che in passato è stata protagonista di importanti attività di promozione dei temi di parità. Nel 2005 fu infatti Casellati ad istituire – come Sottosegretario alla Salute- un’inedita equipe di specialisti per la formulazione di linee guida in materia della medicina di genere e, l’anno successivo, insieme a colleghe bipartisan, ad approvare le mozioni che hanno consentito agli studi scientifici e farmacologici di proseguire la ricerca sulla materia, cui è seguita l’istituzione della prima cattedra universitaria per la medicina di genere a Padova. Abbiamo anche discusso del tema del benessere organizzativo e dell’introduzione del principio di conciliazione vita-lavoro negli uffici giudiziari, di cui la Sen. Alberti Casellati si è interessata in prima persona come componente del CSM”.

“In un contesto di estrema cordialità – prosegue Zenati – , abbiamo condiviso con la Presidente molte riflessioni sul ruolo della donna anche nella promozione della cultura dell’etica e della legalità, tema che sarà al centro della tavola rotonda che la Commissione ha organizzato per la mattina dell’8 marzo presso la Loggia Frà Giocondo sul tema del ruolo delle donne nella promozione della cultura della legalità, che vedrà ospiti relatrici Antonella Magaraggia, Presidente del Tribunale di Verona, Angela Barbaglio, Procuratore della Repubblica di Verona, Ivana Petricca, Questore di Verona e Mariagrazia Bregoli, Direttore dell’Istituto penitenziario di Montorio.

Al termine dell’incontro la Presidente Casellati ha fatto dono a Zenati di un riconoscimento prestigioso e di alto valore simbolico, la campanella ‘simbolo’ del Senato della Repubblica. “Sono estremamente onorata dell’omaggio ricevuto” conclude Zenati ” Quando ci siamo insediate poco più di un anno fa e abbiamo iniziato a lavorare insieme non era né facile né scontato riuscire a percorrere tanta strada. Oggi, invece, abbiamo tagliato un traguardo importante avendo portato le nostre istanze alle massime istituzioni, e torniamo a Verona con orgoglio e rinnovato slancio”.

La delegazione veronese, dopo l’incontro con la Presidente del Senato a Palazzo Madama, è stata ricevuta a Palazzo Chigi dalla Ministra per gli Affari regionali Erika Stefani, che, avendo apprezzato la qualità dell’iniziativa messa in campo dalla Commissione per celebrare la Giornata Internazionale della Donna, ha assicurato la sua presenza alla tavola rotonda dell’8 marzo.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.