Jean Pierre Mustier si racconta a “Wake up Italia!”

L’ex Ceo del Gruppo UniCredit parlerà della propria esperienza professionale con il pubblico del ciclo di incontri promosso dall’università .

Jean Pierre Mustier, Ceo del Gruppo UniCredit fino a febbraio 2021, sarà il protagonista mercoledì 31 marzo, alle 9, del prossimo appuntamento di “Wake up Italia!”, ciclo di incontri organizzato dal dipartimento di Scienze economiche dell’università di Verona. Il mondo e i valori di un manager esemplare saranno quindi al centro di un’intervista che sarà condotta da Sergio Noto, docente di Storia economica e coordinatore dell’iniziativa.

«Un incontro eccezionale quello con il banchiere francese – spiega Noto – personaggio che raramente si concede al pubblico, top manager certamente fuori dall’ordinario, famoso per i suoi comportamenti poco consueti nell’alta finanza, implacabile sul lavoro, VIP che preferisce senza finzioni le mense aziendali e i voli in classe economy al lusso di chi lavora ai vertici, silenzioso promotore di attività sociali, capace di rinunciare senza tentennamenti ai suoi compensi milionari pur di mantenere fede ai suoi principi». 

Sarà possibile seguire l’appuntamento in diretta video su Zoom, previa registrazione, e prendere la parola durante l’ultima parte dell’incontro dedicata alle domande che il pubblico vorrà sottoporre a Mustier. La videoconferenza sarà anche trasmessa in diretta sul canale Youtube dell’università e le conferenze saranno disponibili in formato podcast su Spotify. 

“Wake up Italia!” quattordici video-dialoghi con altrettanti leader dell’economia e della società con esperienze ai più alti livelli nei loro ambiti di interesse, nasce dalla consapevolezza dalla gravità della situazione economica, culturale e politica italiana e punta a coinvolgere la cittadinanza e soprattutto i giovani, che sono la chiave per la ripartenza e il risveglio del paese. Nei prossimi appuntamenti, in programma fino al 10 giugno, interverranno Fabrizio Barca, economista e già ministro per la coesione territoriale (7 aprile), Fabio Innocenzi, amministratore di Banca Finint (14 aprile), Andrea Brandolini della banca d’Italia (21 aprile), Raffaella Sadun, giovane economista dell’università di Harvard (28 aprile), Alessandra Casarico, economista dell’università Bocconi (5 maggio), Federico Ronchetti, fisico nucleare responsabile di Alice Cern (12 maggio), Paolo Benanti, filosofo che si occupa di intelligenza artificiale alla Pontificia Università Gregoriana (19 maggio), Tito Boeri, economista dell’università Bocconi (26 maggio), Ferruccio De Bortoli, giornalista e scrittore (3 giugno) e Fabio Vaccarono, amministratore delegato di Google Italia (10 giugno). 

Tutte le informazioni sul cartellone e sulle modalità di partecipazione alle videoconferenze sono disponibili sulla pagina dedicata al seguente link.