Incendio tra Vicenza e Verona, elicotteri e canadair al lavoro

È scoppiato stanotte, sui monti tra Vicenza e Verona, un vasto incendio che sta impegnando la protezione civile e i vigili del fuoco. L'assessore Bottacin: «La capillare presenza dei vari gruppi nel territorio conferma una capacità d’impiego di non comune rilevanza».

scuola sicura regione veneto
Foto d'archivio.

Sono state attivate immediatamente e tempestivamente sono intervenute già all’alba le squadre dei volontari della Protezione Civile, insieme al personale regionale dei forestali AIB e ai due elicotteri dedicati, per il vasto incendio divampato nella notte sul monte Telegrafo, nel comune di Crespadoro in Alta Valchiampo, al confine tra le province venete di Vicenza e Verona

«Alle operazioni – spiega l’assessore alla Protezione Civile Gianpaolo Bottacin, che ha seguito l’evolversi della situazione dall’inizio – coordinate da terra dal DOS (direttore operazione di spegnimento) della Regione del Veneto, hanno dato il loro contributo anche i Vigili del Fuoco, presenti con tre autobotti a supporto dei forestali regionali del servizio Anti Incendio Boschivo». 

I voli del primo elicottero, sospesi per qualche ora a causa dell’eccessiva nebbia dopo aver effettuato i primi lanci, sono ripresi a situazione meteo ristabilita.

«Per dimezzare i tempi – spiega Bottacin – le nostre squadre AIB hanno impiegato anche un secondo elicottero regionale. Un prezioso aiuto è giunto anche grazie alla collaborazione offerta dal Dipartimento nazionale della Protezione civile, che ha inviato due Canadair per effettuare lanci sulle fiamme».

«Ancora una volta – sottolinea l’assessore – i volontari, presenti con le squadre, per Vicenza, dell’Ana Valchiampo e della Protezione Civile di Valdagno e, per Verona, con quella della Protezione Civile di Badia Calavena, e il personale dei servizi regionali stanno dimostrando un elevato livello di professionalità e preparazione. La capillare presenza dei vari gruppi nel territorio regionale conferma, oltre alla grande connotazione solidale propria dei veneti, una capacità d’impiego di non comune rilevanza. Una capacità che viene dimostrata con lucidità e non secondarie qualità organizzative; anche nelle circostanze di oggi in cui, mentre il fuoco divampava a Crespadoro, un altro incendio boschivo, fortunatamente di minor portata, si è verificato a Fumane nel Veronese. Penso che sia doveroso esprimere a tutti un ringraziamento e l’apprezzamento per quanto stanno facendo».