Inaugurato a Grezzana il monumento per Paolo Tolosetto Farinati degli Uberti

Il sindaco Arturo Alberti spiega il significato del monumento inaugurato a Grezzana in memoria di Paolo Tolosetto Farinati degli Uberti, veronese, Medaglia d’Oro al Valor Militare che perse la vita in mare nel 1916.

inaugurazione monumento

Lunedì 10 giugno alle 10:30 in piazza Renato Gozzi a Grezzana, è stato inaugurato il monumento in memoria di Paolo Tolosetto Farinati degli Uberti, il Capitano di vascello, Medaglia d’Oro al Valor Militare che, nel 1916, perse la vita in mare.

Dopo un momento di ritrovo in piazza e la formazione dello schieramento dei Marinai, il parroco di Grezzana don Remigio Menegatti ha benedetto il monumento. Il presidente dell’Associazione Marinai d’Italia Paolo Molletta, successivamente, ha letto la Motivazione della Medaglio d’Oro e la Preghiera del Marinaio. La parola è poi passata al sindaco Arturo Alberti che ha spiegato la struttura e il significato che assume per i posteri quest’opera.

LEGGI ANCHE: Zanzare: nelle farmacie veronesi il kit antilarvale a prezzo calmierato

Le parole del sindaco Arturo Alberti

«L’opera – ha esordito il primo cittadino – poggia su un basamento in marmo bianco e accoglie sulla destra un’ancora posata su diversi tipi di marmo, è larga 2,30 metri e alta 1,05. Sul monumento, è stata posizionata la targa con incisa la Preghiera del Marinaio e l’atto eroico di Paolo Tolosetto Farinati».

Spiega Alberti: «Il verde della pietra arenaria che ricorda il mare delle coste dell’alto Adriatico dove il sommergibile Balilla ha combattuto, il bianco, del marmo di Carrara, che ricorda le creste delle onde che si infrangono quando i marinai navigano, il trovante di rosso Verona, la pietra della Valpantena che milioni di anni fa era il fondo del mare emerso e che ora rappresenta il sangue versato di Paolo Tolosetto degli Uberti e dei marinai che erano con lui sulla nave, sono i colori della nostra bandiera alla cui base è stata agganciata l’ancora, simbolo di forza e riferimento. Questo monumento, come quello dedicato ai Caduti alle mie spalle, diventa la testimonianza della capacità degli italiani di affrontare con coraggio il pericolo e la sfida».

I partecipanti all’evento

Tra i presenti all’inaugurazione, l’Amministrazione con il sindaco Arturo Alberti, la vicesindaco Federica Maria Veronesi, l’assessore Sergio Birtele, i consiglieri Andrea Iseppi, Ilario Bombieri, Maria Giovanni Pozzerle e Carla Tommasi, il Capitano di Fregata Bruno Marconi e il Cavaliere Paolo Moletta, presidente A.N.M.I – Associazione Marinai d’Italia – Gruppo di Verona.

LEGGI ANCHE: Installato a Verona un sistema di irrigazione degli alberi con sacchi di acqua

Altre figure di rilievo che hanno partecipato all’evento anche il sindaco del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze Pietro Ugolini, il sindaco di Cerro Antonio Bertaso, il sindaco di Selva di Progno Marco Cappelletti, l’Amministrazione di Verona, il capogruppo Pd in consiglio comunale di Verona Fabio Segattini, il Comandante dei Carabinieri Ferdinando Fedele, il Comandante della Polizia locale Cataldo Russo, il Carabiniere in congedo Roberto De Razza Planelli, gli Alpini, i Lagunari, l’Aviazione, i Marinai e i parenti di Paolo Tolosetto Farinati degli Uberti.

Conclusa la cerimonia, i partecipanti si sono ritrovati alla Baita degli Alpini per un momento conviviale.

Chi era Paolo Tolosetto Farinati degli Uberti?

Un eroe della prima Guerra Mondiale. Era nato a Verona il 6 aprile 1876 e, pur avendo la sua dimora in città, passava parecchio tempo a Grezzana, in Villa Carrara, acquistata dalla famiglia Farinati degli Uberti, nella seconda metà del ‘800, dal Marchese Malaspina. 

Paolo Tolosetto, quindi, apparteneva ad una famiglia di nobili e seguì la carriera della Marina Militare. Era capitano di Corvetta e durante la guerra venne nominato Capitano di vascello. In questo ruolo, sostenne “uno strenuo combattimento notturno contro siluranti avversari e affondò insieme col suo sommergibile Balilla, destando nello stesso nemico senso di profonda ammirazione”, si riscontra in delibera. Era il 14 luglio 1916. A questo eroe la città gli ha intitolato una via (nella zona Borgo Trento).

Anche la Marina Militare, sezione di Verona, istituita nel 1925, è stata titolata a Tolosetto Farinati degli Uberti, considerato un eroe della Prima Guerra Mondiale, nell’intento di “mantenere vivo il culto della Patria e l’attaccamento ai valori di coloro che credendo fermamente nel dovere verso la Patria e le sue Istituzioni, hanno sacrificato la vita”. La cittadinanza è invitata a partecipare alla cerimonia inaugurale, che si concluderà con il pranzo alla baita degli Alpini.