In Valpolicella privati e istituzioni insieme per la gestione e il governo del territorio

In Valpolicella privati e istituzioni insieme per la gestione e il governo del territorio

Nasce il primo corso universitario pubblico-privato di Politiche e governance del territorio in Italia. È istituito dall’Università di Verona d’intesa con le amministrazioni locali e gli esponenti del mondo economico e imprenditoriale.

Nasce in Valpolicella il primo corso universitario pubblico-privato in Italia di Politiche e governance del territorio, promosso dal dipartimento di Economia aziendale dell’Università di Verona, macro-area Scienze Giuridiche ed economiche, di cui è referente il professor Davide Gaeta, docente di Economia dell’impresa Vitivinicola e Politica Vitivinicola.

Aderiscono all’iniziativa, che ha il supporto della Bcc Valpolicella Benaco Banca, le amministrazioni comunali del territorio a cominciare da Fumane, che è capofila, San Pietro in Cariano, Marano, Sant’Ambrogio di Valpolicella, Negrar, Pescantina, Sant’Anna d’Alfaedo, Mezzane, Illasi, Dolcè, Grezzana e Bussolengo. È comunque aperta a tutte le realtà istituzionali pubbliche e private che credono nel progetto.

L’iniziativa è stata presentata ieri mattina nella sede del Municipio di Fumane in una conferenza stampa a cui erano presenti i docenti del corso: il direttore Davide Gaeta,  Tommaso dalla Massara, ordinario al Dipartimento di Scienze Giuridiche, delegato del Rettore per “Strategie occupazionali e orientamento” (membro del comitato scientifico), Luca Castagnetti, titolare Studio Impresa, Giuseppe Goisis, ordinario di Filosofia Politica a Venezia.

Presenti il sindaco di Fumane Mirco Frapporti e l’assessore alle Attività economiche, Commercio, Agricoltura, Promozione turistica Elisa Ferrarini oltre a sindaci e consiglieri comunali di Marano di Valpolicella, San Pietro in Cariano, Pescantina, Negrar di Valpolicella, Sant’Ambrogio di Valpolicella, Sant’Anna d’Alfaedo, Mezzane, Dolcè, Grezzana e Illasi.

Valpolicella Fumane
Da sinistra Davide Gaeta, Mirco Frapporti e Tommaso dalla Massara

Presenti anche imprenditori ed esponenti del mondo economico e imprenditoriale, che sostengono l’iniziativa, mettendo così assieme privati e istituzioni pubbliche in un progetto innovativo per la gestione e la governance del territorio nelle sue varie espressioni.

È un corso di aggiornamento professionale che si rivolge si rivolge a cittadini già inseriti nel mondo del lavoro, o che comunque abbiano avviato un proprio percorso di formazione professionale, agli studenti e a tutte quelle persone che intendano approfondire i temi delle politiche e delle azioni di governo del territorio, con particolare riferimento all’area denominata “Valpolicella” e alle sue potenzialità e criticità, ma prevede anche l’estensione ad altri territori di eccellenza nazionali ed internazionali.

La prima edizione del corso sarà principalmente focalizzata sui temi amministrativi ed economici dell’area, dal vitivinicolo al lapideo, al turismo. I destinatari del corso sono diplomati e laureati con una forte motivazione verso la cura e la gestione responsabile della Valpolicella e di possibili altri distretti di qualità mediante l’approfondimento dei temi e delle prassi oggi indispensabili per la formazione di nuovi amministratori pubblici e privati.

Il corso si articola in sei moduli da sei ore ciascuno di cui tre afferenti a materie di diritto, civile ed amministrativo (prof. Jacopo Bercelli, prof. Tommaso dalla Massara), tributario (prof. Sebastiano Messina e prof.ssa Maria Grazia Ortoleva) e tre di economia e marketing aziendale (prof. Davide Gaeta, prof. Giuseppe Goisis, dr. Luca Castagnetti) e sostenibilità ambientale e territoriale (dr. Lorenzo Corino e dr.ssa Antonella Manuli). I docenti sono sia universitari sia professionisti che si alternano in aula in sei seminari compresi tra marzo, aprile e maggio.

È prevista la realizzazione di un project work finalizzato alla creazione di un distretto rurale per la valorizzazione del territorio.

Il corso si terrà al pomeriggio di venerdì nella sede universitaria di Villa Lebrecht a San Floriano in Valpolicella. Per le aziende agricole con dipendenti che seguiranno l’iniziativa è possibile presentare domanda per recuperare il costo di iscrizione richiedendo il rimborso all’Ente di aggiornamento professionale Foragri.

“Una magica combinazione”, ha detto il professor Gaeta, “ha permesso di riunire intorno allo stesso tavolo su questa iniziativa dell’Università di Verona le amministrazioni locali della Valpolicella allargata, varie imprese private che hanno creduto e credono nel progetto. L’obiettivo è lavorare ad un progetto impegnativo ma affascinante: la creazione e promozione di un distretto dell’eccellenza dei prodotti del territorio destinato ai mercati internazionali e che intercetti i flussi turistici. Un modello di gestione e governance da esportare”.

“Abbiamo messo in rete molti comuni del territorio per supportare lo sviluppo di una nuova classe politica e imprenditoriale locale”, ha detto il sindaco di Fumane, Mirco Frapporti. “L’unione di tutti questi sindaci attorno a questo tema vuole testimoniare l’impegno concreto delle amministrazioni del territorio nei confronti dei giovani”.

“È fondamentale costruire un’identità condivisa, il cui fattore aggregante è rappresentato dal vino, ma che deve saper esaltare tutte le potenzialità di quello che è a tutti gli effetti un distretto territoriale” ha detto il sindaco di Illasi, Paolo Tertulli. “Dalla Valpolicella alla val d’Illasi, compresi tutti i Comuni limitrofi, il territorio è contraddistinto da una grande ricchezza che deve essere valorizzata in tutte le declinazioni possibili: dall’enogastronomia all’artigianato, dall’offerta turistica e ricettiva al recupero del territorio”.

“Il progetto nasce dalla forte esigenza della mia generazione”, ha aggiunto l’assessore Elisa Ferrarini, “di acquisire gli strumenti che servono ad amministrare nel nostro territorio, dal punto di vista sia pubblico che privato, con competenza e lungimiranza, avendo una visione complessiva della Valpolicella. La sinergia tra territorio e imprese a servizio dei giovani permetterà l’ideazione di nuovi progetti creativi e utili alla comunità”.

I posti disponibili sono 50, di cui 20 riservati a dipendenti di enti pubblici. La durata del corso è di 60 ore con frequenza obbligatoria per almeno il 70%. Il costo di iscrizione e partecipazione è 600 euro. Le lezioni si terranno i venerdì non consecutivi di marzo, aprile e maggio 2019 nella sede del Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia a San Floriano.

Per informazioni amministrative sulle iscrizioni: U.O. Master e Corsi di perfezionamento e di aggiornamento professionale, segreteria.master@ateneo.univr.it; tel. 045 802 802.

Guarda il servizio: